Alpstream - Centro per lo studio dei fiumi alpini

Perché un centro di ricerca sui fiumi alpini

ALPSTREAM si propone come punto di riferimento per lo studio, la gestione sostenibile e la tutela dei sistemi fluviali delle Alpi. Questi ambienti costituiscono un patrimonio unico, irripetibile e indispensabile ma anche estremamente fragile, che si regge su un delicato equilibrio di processi biotici e abiotici, molti dei quali messi a rischio dai cambiamenti climatici in atto e dall’impatto delle attività umane.

La genesi del progetto

Il Centro nasce grazie a un progetto presentato dal Parco del Monviso, nell’ambito del Piano Integrato Transfrontaliero “Terres Monviso” (Interreg ALCOTRA 2014 2020).

Nel progetto è stata finanziata la costruzione di una struttura scientifica ad hoc dedicata allo studio dei fiumi alpini. Il Centro è stato progettato grazie alla collaborazione del Parco con tre Atenei del Piemonte, all’interno dei quali sono presenti gruppi di ricerca che da anni studiano i fiumi sotto diversi aspetti.

Ricerca in ALPSTREAM

Una delle principali finalità del Centro è divenire una stazione sperimentale di ricerca di alto livello scientifico fortemente radicata sul territorio ma, al contempo, caratterizzata da un respiro internazionale e inserita in una rete di strutture di ricerca su ambienti lotici e montani.

Le tre Università costituenti (UNITO, UPO e POLITO) utilizzano le strutture del Centro per studi, progetti e tesi di laurea e di dottorato. Le stesse strutture sono disponibili per i ricercatori di altri atenei italiani ed esteri. Il Centro promuove attività di ricerca sia applicata che di base.

Tra le prime ricordiamo ad esempio l’analisi dell’impatto del cambiamento climatico (e in particolare della siccità) sulla capacità autodepurativa dei fiumi, cioè sulla loro funzione di aiuto nello smaltimento dei reflui organici derivanti dall’attività dell’uomo, oppure lo studio dei metodi che permettono di minimizzare l’impatto legato agli svasi delle grandi dighe alpine.

Tra le seconde annoveriamo ad esempio lo studio della dinamica dei nutrienti in ambiente montano, l’analisi della biodiversità e dei processi erosivi e deposizionali.

Didattica e divulgazione scientifica

La struttura consente di svolgere attività di laboratorio e didattica direttamente in situ. Gli studenti possono compiere attività formative in laboratorio e seguire corsi in aula. Inoltre, i ricercatori ospiti del Centro hanno a disposizione un’attrezzatura idonea per lo svolgimento dei loro studi. Particolarmente interessante è la disponibilità di una foresteria annessa alla struttura (https://www.visoaviso.it/strutture/foresteria), che attualmente può ospitare 18 studenti ma che può essere messa in rete con altre strutture presenti in Ostana arrivando a raggiungere una capienza di 70 persone. Questo consente di gestire al meglio i periodi di studio, stage o ricerca.

Vai alla sezione dedicata ad Alpstream

Ultimo aggiornamento: 28/04/2022 11:24
L'immagine è un collage di foto in cui sono rappresentati tutti i componenti del gruppo Alpstream. Nel dettaglio, partendo dall'angolo in alto a sinistra notiamo: il Prof. Stefano Fenoglio, il dott. Alberto Doretto, la dottoranda Silvia Bertolotti, la dott.ssa Elisa Falasco; nella fila in basso, partendo da sinistra: la dottoranda Anna Marino, la dott.ssa Laura Gruppuso, la Prof.ssa Francesca Bona, l'ing. Luca Ridolfi

Chi siamo

Sezione dedicata alla presentazione del team di ricercatori Alpstream e alla rete di collaborazioni del Centro. Video di presentazione delle attività del gruppo Alpstream Il Team Stefano Fenoglio - Professore Ordinario presso Università degli Studi di Torino, DBIOS La mia ricerca riguarda diversi aspetti dell’ecologia e della zoologia degli ambienti fluviali, con un...

nella foto si osserva la frazione Sant Antonio di Ostana, in cui è ubicato il Centro per lo studio dei fiumi alpini. Sullo sfondo è possibile osservare il Monviso

Dove siamo

Il Centro Alpstream è a Ostana Il centro si trova nel comune di Ostana, in Alta Valle Po, non lontano da dove nasce il fiume più importante d’Italia. Ostana ha avuto il riconoscimento “Borghi più belli d’Italia” e ha ricevuto nel 2017 il premio Cresco per la sostenibilità dei comuni. La struttura che ospita il centro è frutto di un sapiente...

L'immagine è un collage di diverse foto. In primo piano si osserva un fiume fotografato nel periodo autunnale. Immediatamente sotto sono rappresentati nell'ordine: alcune diatomee al microscopio elettronico, una camera flottante a pelo dell'acqua utilizzata per la misurazione della CO2, una trota catturata durante un censimento della fauna ittica con elettrostorditore, un grafico raffigurante l'output grafico di un ordinamento statistico (PCoA), un Plecottero

Ricerca e pubblicazioni

La ricerca in Alpstream Il Centro ALPSTREAM è strettamente coinvolto nei progetti di ricerca sugli ecosistemi fluviali, in particolare quelli alpini. Per la sua posizione strategica in Valle Po, il Centro svolge il ruolo di base operativa per la ricerca in campo ed in laboratorio. Tra i vari progetti di ricerca spiccano quelli incentrati sulla protezione di questi ecosistemi unici: studio...

L'immagine è un collage di diverse fotografie che descrivono alcune delle attività che Alpstream svolge sul territorio. Partendo dalla prima, in alto a sinistra, si osserva il Prof. Fenoglio che mostra una collezione entomologica ad alcuni bambini della scuola elementare. La seconda foto rappresenta alcuni operatori durante un censimento della fauna ittica nel tratto no-kill della Valle Po. La terza rappresenta il tratto no-kill della Val Varaita che, a seguito di un'operazione di svaso, presenta il letto fluviale completamente ricoperto di ghiaia e sedimento fine. Infine, la quarta foto è un'immagine subacquea che raffigura il rilascio di alcune trote che erano state catturate durante un censimento nel tratto no-kill della Valle Po

Alpstream sul territorio

L'attività svolta sul territorio ALPSTREAM ha una grande importanza sul territorio della Valle Po e non solo. Tutte le iniziative del centro sono finalizzate alla tutela dei corsi d’acqua, in particolare quelli alpini, nei confronti degli impatti antropici e non. Numerosi sono gli studi fatti da ALPSTREAM proprio sugli effetti degli svasi, dei cambiamenti climatici, dell’impatto...

Il Prof. Fenoglio tiene una lezione a un gruppo di studenti durante una escursione didattica sul fiume Po, in località Crissolo. Si osserva il Prof. Fenoglio in acqua mentre mostra una trota appena catturata tramite elettronarcosi agli studenti, che sono disposti a semicerchio sulla riva.

Didattica ed escursioni sul campo

A partire dalla sua inaugurazione nel 2019, il centro ALPSTREAM è sede di numerose attività didattiche sul campo organizzate dai docenti dell’Università di Torino e del Piemonte Orientale. In questo contesto, dal 2020, ALPSTREAM è sede della Summer School in Biomonitoring and Biodiversity Conservation organizzata dall’Università di Torino. In questo contesto,...

immagine che ritrae un cameramen mentre riprende una ricercatrice di spalle al microscopio ottico.

Dicono di noi

Scopri Alpstream e le sue attività attraverso i media! Crisi idrica: intervista al Prof. Fenoglio a FILOROSSO (Puntata del 26/06/2022) intervista al Prof. Fenoglio a FILOROSSO Rai Tre Intervento della Prof.ssa BONA a Buongiorno Regione RAITRE sull'emergenza idrica (Puntata dell'8/06/2022). Clicca qui Intervento della Prof.ssa BONA a TG Leonardo sulla proliferazione delle...

Nell'immagine si vede un gruppo di studenti seduti per terra in un prato durante un'escursione in Valle Po. In sfondo le montagne

Coming soon

Sezione dedicata alle attività di Alpstream con una programmazione a medio termine, come webinar, seminari, corsi di formazione e workshop. Trovate tutte le informazioni relative alla modalità di partecipazione nelle sezioni sottostanti.

foto di gruppo del XIV incontro “SItE Giovani” ad Ostana (CN), maggio 2019

Webinair e Congressi

Sezione dedicata agli eventi passati organizzati dal gruppo Alpstream: sfoglia le foto, rivedi i webinar e scarica la documentazione disponibile.

Foto ripresa dall'alto con un drone, dei 6 canali artificiali costruiti sulla sponda sinistra del fiume Po

Laboratorio di Eco-idraulica alpina

I fiumi alpini sono sistemi ecologici unici, estremamente dinamici, ricchi di biodiversità, molto complessi dal punto di vista funzionale e costituiscono la più importante riserva di acqua dal punto di vista quantitativo e specialmente qualitativo. Questi ambienti unici sono purtroppo sempre più minacciati da impatti che agiscono sia a livello globale sia a livello locale. Per questi...