Mappa del sito
  Ricerca nel sito 
  Notizie dal Parco

L'inafferrabile sfinge colibrì

Quanti di voi, passeggiando in campagna o lungo un sentiero di montagna, hanno esclamato almeno una volta: “guarda! Un Colibrì!”, alla vista di un piccolo e curioso animaletto dal rapidissimo frullio d’ali?
Nonostante le apparenze, il misterioso esserino non è un uccello bensì una falena nota come sfinge del galio o sfinge colibrì (Macroglossum stellatarum) appartenente alla famiglia delle Sfingidi, gruppo che raccoglie circa 1450 specie dal carattere notturno e crepuscolare ma con alcune importanti eccezioni diurne.


Molti rappresentanti di questa famiglia sono caratterizzati da colori sgargianti, sia nell’adulto che nel bruco e la maggior parte delle specie è concentrata nelle regioni tropicali. Alcune però, come la sfinge del galio, trovano il loro optimum nelle zone temperate e riescono addirittura a raggiungere le regioni nordiche durante le stagioni primaverili ed estive. Sono ben noti infatti avvistamenti di sfinge del galio in Scandinavia, nelle isole britanniche e in Canada.


Questa curiosa falena è piuttosto facile da osservare per via delle sue abitudini diurne e per il curioso modo di volare attorno alle piante in fiore, comportamento che attira l’attenzione anche dell’osservatore più distratto. 
Vola rapida e con scatti repentini, intervallati da momenti di stallo in “hovering” (lett. Volo a punto fisso, ovvero con la capacità di rimanere sospesi in aria), comportamento tipico di altri insetti come le libellule e i Sirfidi (false api) e di animali più grandi come alcuni pipistrelli e uccelli tra cui proprio i colibrì.
Se osservata da vicino, si noterà che la sfinge estroflette una lunga e sottilissima “lingua” che utilizza per raggiungere le porzioni interne dei fiori.
L’organo in questione è la cosiddetta “spirotromba”, non una lingua in effetti ma una sorta di cannuccia attraverso la quale la farfalla riesce a aspirare il nettare presente nei nettari alla base dei fiori, anche in quelli dalla forma particolarmente stretta e allungata, più ostici per molti altri insetti come ad esempio le api. 


Non è affatto raro infatti osservare le sfingi colibrì intente ad esplorare con meticolosa attenzione le ricche fioriture della buddleia (Buddleja davidii), della valeriana rossa (Centranthus ruber) o cimentarsi con i piccoli e ostici fiori delle verbene (Verbena officinalis) o delle scorzonere (Phyteuma sp.). 

By Wouter Hagens (Own work) [Public domain], via Wikimedia Commons

I, Konrad Lackerbeck [CC BY-SA 2.5 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5)], via Wikimedia Commons
Il nome “Sfinge del galio” si deve a una doppia particolarità dei bruchi: il termine “sfinge” deriva dal particolare aspetto che assumono i bruchi in posizione di riposo e che sembra ricordare nella forma una sfinge egizia; il termine “galio” fa invece riferimento alle piante nutrici delle larve, ovvero le specie appartenenti al genere Galium. Il nome alternativo “sfinge colibrì” deriva infine dalla ben nota confusione di queste farfalle con i colibrì, gruppo di uccelli presenti soltanto nel Sud e Centro America e nelle regioni meridionali degli Stati Uniti con climi subtropicali.
La spiccata similitudine comportamentale e alimentare di questi due animali rappresenta infine un tipico esempio di convergenza evolutiva: un’esigenza simile, ovvero quella della dieta nettarivora, ha portato due gruppi animali completamente diversi a sviluppare adattamenti e morfologie analoghe, come il battito d’ali velocissimo per il volo statico e strutture affusolate per succhiare il nettare dei fiori: in un caso la già citata spirotromba e nel colibrì il becco lungo e minuto.

By Roger Culos (Own work) [CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia CommonsBy Charlesjsharp (Own work, from Sharp Photography, sharpphotography) [CC BY 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/3.0)], via Wikimedia Commons
Non preoccupatevi quindi, almeno in questo caso, l’avvistamento di questo curioso insetto non è l’ennesimo segno di tropicalizzazione del nostro clima ma è solo una delle tante meraviglie che la natura attorno a noi può ancora regalarci.

Roberto Ostellino

 

 

Puliamo il mondo!

Erano una cinquantina i volontari che questa mattina si sono incontrati a Pian del Re per l’iniziativa Puliamo il Mondo, organizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con il Consorzio Monviso Solidale, il Circolo Legambiente di Barge e il gruppo di Protezione Civile e AIB della Valle Po.


Il gruppo, di giallo vestito, ha ripulito la zona delle sorgenti, il sentiero da Pian Regina a Pian del Re, il sentiero fino al Fiorenza e il primo tratto di sentiero che porta alle Traversette: tantissime le cicche di sigarette e le cartacce raccolte, segno che tanti turisti ed escursionisti ancora non hanno imparato l’importanza del preservare la bellezza di questi luoghi.


La giornata è stata anche un bel momento di integrazione e di condivisione: hanno partecipato alla giornata, oltre ad alcuni volontari, i ragazzi dei centri diurni di Chieri e Racconigi e i richiedenti asilo ospitati a Racconigi dalla Cooperativa Liberi tutti e a Pinerolo dalla Diaconia Valdese. Tutti hanno contribuito alla pulizia della zona, luogo dall’alto significato simbolico, con le sorgenti del Po al cospetto del Monviso e cuore del Parco.


Un grazie da parte dell’Ente a tutte e persone che si sono impegnate in questa giornata che, oltre all’aspetto ecologico, si inserisce nelle attività di Montagnaterapia che il Parco del Monviso sostiene in collaborazione con il Consorzio Monviso Solidale e il coordinamento Piemontese di Montagnaterapia.

 

Proposte didattiche 2017-2018

Sono state presentate a Cuneo il 20 settembre le proposte di educazione ambientale del Parco del Monviso per l'anno scolastico 2017/2018: numerose proposte che hanno l’obiettivo di creare, a partire dai più piccoli, un atteggiamento più sostenibile e consapevole rispetto alle tematiche ambientali, attraverso attività di conoscenza e scoperta sul  ...   

Il Parco alla Sagra dei Pescatori

Il Parco del Monviso sarà presente alla Sagra dei Pescatori di Villafranca, grazie alla collaborazione con l’associazione Amici del Po. Per tutta la durata della manifestazione, dal 23 al 26 settembre, sarà possibile visitare, presso l’ex Monastero, la mostra fotografica “Monviso Unesco” che ospita le migliori immagini dell’omonimo concorso,  ...   

A scuola nei Parchi

Mercoledì 20 settembre il Parco del Monviso, il Parco delle Alpi marittime e il Parco fluviale Gesso e Stura presentano ai docenti i rispettivi programmi ed attività per le scuole ed i gruppi per l’anno scolastico 2017/2018.
L’appuntamento è alle ore 16 presso la Casa del Fiume di Cuneo, in Via Porta Mondovì 11/A, ed è aperta agli insegnanti e  ...   

Sportello forestale: dal 26 settembre tutti i martedì

Con l’apertura della stagione silvana, da martedì 26 settembre il Parco del Monviso attiva nuovamente lo Sportello Forestale.
Lo Sportello è aperto tutti i martedì mattina dalle ore 9.00 alle ore 12.00 presso la sede di Saluzzo, in Via Griselda 8 nel Palazzo Solaro di Monasterolo. Presso lo Sportello Forestale è possibile ricevere informazioni  ...   

Musei del Parco: orari

Con l'avvicinarsi dell'autunno i due musei 'montani' del Parco, il Centro Visite di Casteldelfino e il Centro Visite di Pian del Re, chiudono per la stagione invernale e riapriranno la prossima estate.
Il Museo del Po di Revello mantiene l'apertura tutte le domeniche con il consueto orario (14,30-16,30), così come il Museo del Piropo di  ...   

La montagnaterapia in cammino: la cronaca dei due giorni

Erano circa un centinaio le persone che martedì 29 agosto alle 10,15 del mattino si sono ritrovate a Pian del Re per salire al rifugio Quintino Sella. Niente di speciale se non il numero “dirà qualcuno”, ed un’escursione anche abbastanza usuale.
Di non usuale però, c’erano i componenti del gruppo: persone diversamente abili appartenenti ad una  ...   

TMT - la classifica finale

La natura sa creare giornate davvero stupende, sotto il profilo meteorologico, ma senza l’apporto organizzativo dell’uomo rimarrebbero “solo” delle belle giornate ed invece si trasformano in indimenticabili eventi sportivi. Gran bel tempo, a Crissolo, domenica 27 Agosto. Forse la migliore giornata dell’intera insistente e persistente estate  ...   

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) “Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé” si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i loro territori  ...   

Navetta e parcheggio a Pian del Re

Dal 24 giugno è attivo il servizio navetta per raggiungere Pian del Re. La navetta sarà disponibile tutti i week-end (sabato e domenica) fino al 10 settembre, mentre dal 6 al 20 agosto sarà attiva tutti i giorni. Prima corsa alle ore 8,30 da Crissolo, ultima partenza da Pian del Re alle 18,30. Le tariffe restano invariate rispetto allo scorso  ...   

Il Parco a Casteldelfino

Si è tenuta sabato 24 giugno l’inaugurazione della nuova sede operativa del Parco del Monviso a Casteldelfino. Il presidente del Parco, Marengo e il consigliere Ambrogio, accompagnati dal responsabile del servizio tecnico e dai guardiaparco, hanno accolto nel nuovo centro i numerosi partecipanti, tra cui l’Assessore ai Parchi Valmaggia, il sindaco  ...   

Suoni dal Monviso 2017

8 concerti in 80 giorni. Possiamo riassumere così la 13ª edizione di Suoni dal Monviso, la stagione musicale saluzzese, organizzata dal Gruppo Corale I Polifonici del Marchesato e ispirata dal desiderio di coniugare un ambiente di indiscussa bellezza con una proposta culturale di alto profilo. Anche quest’anno, l’universo musicale di Suoni dal  ...   

Route sul Monviso: un vademecum per i gruppi scout e non solo

Ogni estate numerosi gruppi scout decidono di compiere escursioni nello stupendo ambiente naturale del Parco del Monviso, sui sentieri intorno al «Re di Pietra» delle Alpi Cozie.
il frequente numero di passaggi di comitive non adeguatamente informate sull’alpinismo in quota, sui problemi e sui pericoli che si incontrano a più di 2 mila metri di  ...   

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Bussola della Trasparenza Amministrazione Aperta - Art.18 L.134/2012 Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture Regione Piemonte Settore Parchi Amici di Villafranca Piemonte Europarc Mab Biosfera Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento
francese inglese tedesco