Il Parco naturale del Monviso

Il Parco Naturale del Monviso, istituito con Legge Regionale 19/2015, coincide per una buona parte con il territorio della Zona Speciale di Conservazione (ZSC) e Zona di Protezione Speciale (ZPS) “Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé” (IT1160058) e si estende a cavallo tra le Valli Po e Varaita, da 1300 m s.l.m. alla cima del Monviso (3841 m) per una superficie complessiva di circa 10.000 ettari.

Mentre in alta Valle Po il territorio del Parco e della ZSC/ZPS si estende in gran parte al di sopra del limite superiore della vegetazione arborea con ambienti rupicoli o detritici, in Val Varaita l’area protetta include anche vaste superfici boscate, costituenti il Bosco dell’Alevé.

Questo ambiente forestale rappresenta la più estesa formazione di Pino cembro (Pinus cembra) allo stato puro o con larice (Larix decidua) delle Alpi occidentali (825 ha). Qui la specie più caratteristica è la nocciolaia (Nucifraga caryocatactes), corvide dal comportamento elusivo ma facilmente individuabile dal suo richiamo ripetuto.

Un larice nella neve (foto: Marco Rastelli)

Nel complesso, gli ambienti più rappresentati nel Parco sono quelli tipici degli ecosistemi alpini, quali praterie d’alta quota, arbusteti, rocce, macereti e qualche residuo lembo di ghiacciaio. Molte zone di prateria sono ancora utilizzate per il pascolo d’alpeggio, soprattutto di bovini e ovini. Il Monviso, la vetta più alta della Alpi Cozie con i suoi 3841 m, appartiene al gruppo geologico delle pietre verdi, cioè da rocce eruttive oceaniche parzialmente metamorfosate e da rocce metamorfiche vere e proprie, originatesi circa 80 milioni di anni fa.

Molti sono gli habitat e le cenosi tutelati dalla Direttiva europea tra cui i lembi di ghiacciai permanenti, le rupi e i ghiaioni, le praterie basifile alpine e subalpine arricchite dalla presenza della Veronica allionii (endemismo delle Alpi occidentali), i saliceti alpini d’altitudine, la vegetazione erbacea e arbustiva dei torrenti. Per la flora, ricca di endemismi, sono segnalate oltre 500 specie di piante superiori.

Veronica alionii (foto: Marco Rastelli)

Pian del Re è il sito dove poter osservare la Salamandra lanzai (all. IV Dir. Habitat), anfibio endemico di alcune vallate delle Alpi Cozie piemontesi e del limitrofo versante francese, una delle specie zoologiche più interessanti del Piemonte, ove è concentrata gran parte della popolazione mondiale.

Rana temporaria (foto: Marco Rastelli)

Nell’area protetta sono segnalate ben 117 specie di uccelli, di cui 48 certamente nidificanti e il 22% è inserita nell’Allegato I della Direttiva 2009/147/CE “Uccelli”. Di particolare interesse è la presenza, seppur localizzata, della tipica fauna alpina: i settori di alta quota rappresentano un ottimo habitat per la pernice bianca (Lagopus muta) e la lepre variabile (Lepus timidus), mentre il fagiano di monte (Lyrurus tetrix) e la coturnice (Alectoris graeca) sono distribuiti ad altitudini generalmente più basse, preferendo rispettivamente le zone ecotonali e le aree rocciose più assolate. Una delle principali minacce per la conservazione di queste specie è rappresentata dalle attività turistico-ricreative, specialmente quando queste interessano aree importanti per lo svernamento, il corteggiamento o l’allevamento delle nidiate.

Tra i numerosi mammiferi, oltre ai più visibili stambecco, marmotta, camoscio, cervo, sono altresì presenti, tra gli altri, il lupo, specie particolarmente protetta, alcuni Chirotteri e, tra i gliridi, il moscardino (Muscardinus avellanarius, All. IV Dir. Habitat) e il quercino (Elyomis quercinus) specie di rilevante interesse conservazionistico poiché in forte declino in gran parte del suo areale.

Nell’area protetta, inoltre, tra gli Insetti, sono segnalate 99 specie di coleotteri Carabidi e almeno 103 specie di Lepidotteri tra cui Parnassius apollo, P. mnemosyne, Phengaris arion, tutte inserite nell’All. IV della Dir. Habitat.

Ultimo aggiornamento: 07/08/2019 18:51