100 storielle per una bella nanna

Renzo Ribetto, classe 1953, storico responsabile del Servizio Promozione e dell'educazione ambientale presso il nostro Parco, ora in pensione, non ha smesso di scrivere. Autore di numerose pubblicazioni, a tema naturalistico o con un forte richiamo al territorio, si cimenta oggi nelle vesti di nonno dell'ultimo nato in casa Ribetto, Filippo, scrivendo "100 storielle per una bella nanna" illustrate dai disegni di alcuni bambini.
Le Storielle sono brevi testi che attingono parte alla fiaba, parte alla favola, parte al racconto edificante, parte alla creazione dei miti delle origini.
L’ambiente è rustico: la casa contadina, il bosco, il prato, l’orto. In questi luoghi si aggirano e agiscono maghi, fate e folletti.
I personaggi sono distribuiti in proporzioni diverse. Pochi gli umani, poco più numerosi gli animali domestici, ma numerosissimi i selvatici. È tutto un via vai di topi, salamandre, rane, farfalle, ghiri e pettirossi, ma sono promossi alla dignità di protagonisti anche i vegetali.
"L’intento è quello di mettere insieme realtà e fantasia, di suscitare curiosità e voglia di farsi domande, di insegnare qualche pratica, di fare un po’ di morale - spiega l'autore. - Le Storielle insegnano a guardarsi attorno, a chiedersi il perché delle cose superando l’impeccabilmente scientifico, il razionale, il dimostrabile, perché si parla all’infanzia, che non ha ancora imparato, per fortuna, a catalogare tutto e a tutto incollare un’etichetta."
E poi c’è il modo in cui le Storielle sono scritte.
Le parole della cultura popolare vi si trovano accanto ai termini scientifici, perciò i bambini cominceranno a conoscere e a citare indifferentemente patrache e plecotteri, sedie e cadreghe. E che dire del meraviglioso blaga, invece che presunzione, o spocchia? Sentiranno raccontare antiche filastrocche in lingua originale, in uguale misura per il piacere nostalgico degli anziani e per il divertimento dei piccoli. In breve, le Storielle sono da leggere. Pardon… da raccontare.

Il libro sarà disponibile presso l’edicola Tessore di Piazza della Libertà a Villar Perosa (TO).


La copertina del libro

Ultimo aggiornamento: 13/12/2019 15:51