Immagine con descrizione mancante

Officina Monviso Agile 2020

Anche nel 2020 il Parco ha supportato l'esperienza di montagnaterapia "Officina Monviso"; riportiamo il racconto fatto dai protagonisti e presentiamo il video realizzato per promuovere l'attività.

Grazie al Consorzio Monviso Solidale, al Parco del Monviso e ai Gruppi Montagnaterapia Piemonte “OFFICINAMONVISO” ha proposto anche quest’anno un programma di escursioni in montagna per persone disabili e con patologie psichiatriche, nonostante tutto.
Nei nostri ambiti di lavoro i mesi trascorsi ci hanno visti mediare tra l’esigenza di garantire un servizio per molti essenziale e la necessità di tutelare la salute. Si dice che il nostro sia sempre un “lavorare nel limite”, ma stavolta il limite era davvero ovunque.
La riorganizzazione dei Servizi per far fronte all’emergenza ha richiesto un ridimensionamento delle attività, una parte delle quali mediate dai mezzi informatici, una riduzione delle frequenze e di tutte quelle che finora erano state occasioni di socializzazione. E’ stato insomma un procedere in punta di piedi.
E a proposito di piedi “OFFICINAMONVISO” nella versione “classica”, come l’abbiamo organizzata e condivisa dal 2014, non era chiaramente proponibile. Quindi niente luoghi di ritrovo, condivisione delle soste e del pasto, caffè di massa, momenti di festa animata dalla musica, incontri con la realtà locale, associazioni, volontari.
L’idea di non ricorrere alla soluzione più semplice con il messaggio ““OFFICINAMONVISO” quest’anno non si fa, ci vediamo nel 2021” è stata presa questa primavera in un momento in cui i Centri diurni erano chiusi e le incognite numerose sull’immediato futuro. Ci è sembrato però un modo per lanciare lo scarpone oltre l’ostacolo e un gesto di resilienza.
Alcuni Servizi, tra quelli che sono ormai “storici” nella partecipazione, sono stati contattati con la richiesta di attivarsi e suggerire ciascuno un percorso da inserire nel programma. Uno per area: cuneese, saluzzese, pinerolese, torinese. Nella condivisione dell’iniziativa si è lasciata poi piena libertà ai gruppi di affrontare le escursioni nel giorno desiderato, nei mesi di luglio e agosto.
L’obiettivo di sostenere “OFFICINAMONVISO” nonostante tutto può dirsi raggiunto se pensiamo che nella fragilità del momento abbiamo cercato di conservare una rete di rapporti costruita nelle sei precedenti edizioni. Se è vero che in montagna ci siamo andati in pochi e in ordine sparso la montagna è stato comunque il pretesto per sentirci, confrontarci e mantenere un legame, e magari domandare “Come va lì da voi?”. E forse non è poco.

Il videoclip “OFFICINAMONVISO AGILE 2020” è una rappresentazione creativa del messaggio che l’iniziativa sostiene: la montagna è un patrimonio collettivo, dove la bellezza, la fatica e gli incontri alimentano un percorso di benessere e la coscienza di sé come parte di un tutto. Nessuno ne è escluso. Neppure in tempo di Covid.
Nel video il corvo (simbolo del Progetto) supporta il ruolo dei protagonisti, portandoli in viaggio verso nuovi paradigmi sociali e psicologici: lì emerge il desiderio di costruire loro stessi una montagna, quella montagna che è dentro ai loro occhi e alla loro esperienza emotiva. Sentendone la presenza nel proprio mondo. Anche quando dalla montagna si fa ora di ridiscendere.
Gli organizzatori di “OFFICINAMONVISO”

Ultimo aggiornamento: 03/12/2020 09:43