GEOTERMICO A BASSA ENERGIA



Il Consiglio dei Ministri, nella seduta del 10 febbraio, ha approvato in via definitiva un decreto legislativo che opera il riassetto della disciplina in materia di ricerca e coltivazione delle risorse geotermiche al fine di garantire, in un contesto di sviluppo sostenibile del settore e assicurando adeguata protezione ambientale, un regime concorrenziale per l'utilizzo delle risorse geotermiche ad alta temperatura e la semplificazione dei relativi procedimenti amministrativi.

Il decreto, previsto dal comma 28 dell’ art.27 della Legge 99/2009, ha il merito di abrogare in toto la preesistente Legge 896/1986 sulla “Disciplina della ricerca e della coltivazione delle risorse geotermiche”. Vengono anche semplificate – ma solo in minima parte–  le procedure per l’installazione dei piccoli impianti con sonde geotermiche, un settore fino ad oggi ignorato dal legislatore nazionale.

Interessante è l’art. 10 del decreto, in cui vengono definite e regolate le “piccole utilizzazioni locali”, funzionanti sia con prelievo di acque calde sia con semplice scambio di calore con il terreno. Le Regioni (o enti da esse delegati) vengono individuate come “le autorità competenti per le funzioni amministrative, comprese le funzioni di vigilanza, riguardanti le piccole utilizzazioni locali di calore geotermico”.



Le “piccole utilizzazioni locali” individuate dal decreto sono di
due tipologie diverse: quelle che prelevano fluidi geotermici o acque calde entro certi limiti di potenza termica e di profondità dei pozzi, e quelle che scambiano calore con il terreno senza prelievo di fluidi. L’iter autorizzativo è diverso nei due casi.




Con prelievo di fluidi o acque calde



Secondo il decreto “...sono piccole utilizzazioni locali di calore geotermico quelle per le quali sono soddisfatte congiuntamente le seguenti condizioni:

• consentono la realizzazione di impianti di potenza
inferiore a 2 MW termici, (…)

• sono ottenute mediante l’esecuzione di
pozzi di profondità fino a 400 metri per ricerca, estrazione ed utilizzazione di fluidi geotermici o acque calde (…), per potenza termica complessiva non superiore a 2.000 kW termici, anche per eventuale produzione di energia elettrica con impianti a ciclo binario ad emissione nulla”.

Queste piccole utilizzazioni locali “sono concesse dalla Regione territorialmente competente con le modalità previste dal testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici, di cui al regio decreto 11 dicembre 1933, n.1775”. Per questo tipo di impianti, quindi, il decreto non prevede in realtà alcuna vera semplificazione, dal momento che è richiesta – così come è avvenuto fino ad oggi –la concessione di derivazione d’acqua ai sensi di una legge risalente agli anni 30.

E’ però esplicitamente previsto che questa tipologia di impianti, se di potenza
inferiore a 1 MW, sia “esclusa dalle procedure di verifica di assoggettabilità ambientale".

 

Senza prelievo di fluidi o acque calde



Secondo il decreto “sono altresì piccole utilizzazioni locali di calore geotermico quelle effettuate tramite l’installazione di
sonde geotermiche che scambiano calore con il sottosuolo senza effettuare il prelievo e la re-immissione nel sottosuolo di acque calde o fluidi geotermici”.



Questi impianti, i più diffusi, “sono sottoposti al rispetto della
specifica disciplina emanata dalla regione competente, con previsione di adozione di procedure semplificate”. Al momento però quasi nessuna regione italiana ha discipline specifiche in materia. La situazione quindi appare ancora molto incerta.

Si noti che il riferimento alla “previsione di adozione di procedure semplificate” ci ricorda che manca all’appello ancora un decreto perché le regioni possano deliberare nel rispetto della normativa nazionale, o adeguare le proprie regole esistenti.




Nota bene: anche questa tipologia di impianti viene esplicitamente “esclusa dalle procedure di verifica di assoggettabilità ambientale”.

 

Consulta:



Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Riaperto Buco di Viso

Dal 23 giugno è riaperto il Buco di Viso.
Il tunnel, che collega l'Italia alla Francia, primo traforo alpino voluto dal Marchese Ludovico II nel 1480 per agevolare i commerci, viene chiuso ogni anno al termine della stagione estiva.

Della riapertura si sono occupati i gestori del Rifugio Giacoletti e del Refuge du Viso,

Da domenica 30 a Revello Mostra fotografica sui panorami e gli animali delle Alpi cuneesi

Da domenica 30 giugno è aperta al pubblico presso il Museo Naturalistico di Revello la mostra fotografica 'Le Alpi tra animali e paesaggi'.
La rassegna presenta una trentina di immagini in grande formato di animali e paesaggi delle Alpi cuneesi, realizzate dal fotografo cuneese Paolo Masteghin nelle vallate cuneesi dalla Valle Po alla

Domenica 23 giugno riapre il Centro Visita Alevé di Casteldelfino

Da domenica 23 giugno riapre al pubblico per la stagione estiva il Centro Visite Alevè di Casteldelfino.
Gli orari di apertura del Centro per l’estate 2019 sono: la domenica dal 23 giugno all’8 settembre dal-le 10 alle 12.30 e dalle 14 alle 18.30; dal 1 al 31 agosto lo spazio visite sarà aperto anche da luned&igra

Monviso Summer School 2019

Quest’estate torna la Monviso Summer School, organizzata dal 5 all’11 agosto a cura del Parco del Monviso in collaborazione con l’Associazione Vesulus.
L’appuntamento, giunto alla sua seconda edizione dopo gli ottimi esiti del 2018, è un’occasione di formazione ed esercitazione rivolta a studenti o neola

Le escursioni di luglio nel Parco del Monviso

A luglio sono quattro le proposte escursionistiche del Parco del Monviso in collaborazione con l’associazione Vesulus. Si tratta di tre escursioni di un giorno, tutte localizzate in alta valle Po tra Crissolo e Paesana, e di un Giro del Monviso 'classico', con partenza da Crissolo e pernottamento ai rifugi Giacoletti e Vallanta.

Prorogata fino al 1 settembre la mostra Insecta

La mostra Insecta, inaugurata a marzo presso il centro Lou Portoun di Ostana e dedicata al mondo degli insetti, sarà prorogata fino al 1 settembre.
La mostra, curata dall’appassionato entomologo Sergio Rastelli, è stata realizzata dal Museo regionale di Scienze Naturali di Torino e si compone di più di quaranta gi

Gli eventi dell'estate 2019 al Rifugio Quintino Sella

Condividiamo il ricco programma di eventi del Rifugio Quintino Sella per l’estate 2019

Dal 28 al 30 giugno: GIRO DI VISO CON LA NEVE, in collaborazione con l’Associazione Vesulus e
il patrocino del Parco dal Monviso. Accompagnati da una guida escursionistica e da una guida
alpina, il periplo del Re in

Wiki loves Earth - un concorso fotografico per le aree protette

Confluenza Po - Bronda, Bosco del Merlino, Confluenza Po - Varaita, Grotta di Rio Martino e Boschi e colonie di chirotteri di Staffarda sono le aree tutelate dal nostro Ente che non hanno ancora una fotografia che le rappresenti su Wikipedia. Invitiamo quindi tutti i fotografi e i fotoamatori a partecipare a Wiki Loves Earth (WLE), il concorso foto

Aperte le iscrizioni per la seconda edizione del MaB UNESCO Monviso Youth Camp

Sono aperte le iscrizioni alla seconda edizione del MaB UNESCO Monviso Youth Camp, che si terrà dall’8 al 12 luglio 2019 a Ostana, nella Riserva della Biosfera transfrontaliera del Monviso.
L’iniziativa, organizzata dal Parco del Monviso, dalla Fondazione Santagata per l’Economia della Cultura e dalla

Anche le piante vanno in letargo?

Ovvero come sopravvivere all’inverno e alle stagioni aride Le Forme Biologiche

Ad eccezione delle regioni equatoriali, dove non sussistono significative variazioni stagionali, in ogni parte del nostro pianeta le piante devono superare un particolare momento di difficoltà generato dal clima.
Per il nostro

Chiusura dello sportello forestale

Con il termine della stagione silvana lo Sportello forestale del Parco del Monviso sospende la sua attività.
La riapertura del Servizio è prevista per il 15 settembre.
Per emergenze su tematiche forestali i guardiaparco sono disponibili su appuntamento (tel 0175 46505).

Foto di Cristiano Lavalle

Al via i Trofei MaB 2019

La Riserva della biosfera transfrontaliera del Monviso organizza la terza edizione dei Trofei MaB, un concorso per premiare iniziative locali di eco-cittadinanza innovative e creative. La Riserva della Biosfera vuole infatti incoraggiare la realizzazione di progetti che rappresentino degli esempi di buo-ne pratiche per lo sviluppo sostenibile, di i

Riaprono la strada per Pian del Re e il Colle dell'Agnello

Riapre alle 18 del 31 maggio 2019 la strada provinciale n. 234 che collega Pian Regina a Pian del Re.
Dopo la chiusura invernale, stabilita ogni anno dalla Provincia di Cuneo, torna transitabile e accessibile alle auto il percorso verso le sorgenti del Po.

Ricordiamo che dallo scorso anno sono in vigore alcune restrizioni all'

Ambiente, Europa: un piano per la biodiversità sulle Alpi

Come attuare le strategie europee per la tutela della biodiversità sulle Alpi? Francia e Italia si impegnano a dare una risposta, presentando strategie e obiettivi del Piano Integrato Tematico Transfrontaliero PITEM BIODIVALP. La Regione Piemonte e i parchi piemontesi dell’area interessata partecipano con un ruolo da protagonisti.

Le escursioni di giugno nel Parco del Monviso

A giugno sono quattro le proposte escursionistiche del Parco del Monviso in collaborazione con l’associazione Vesulus. Si tratta di due escursioni di un giorno, inserite nel calendario degli 'Eventi Leonardiani' promossi dal Comune di Barge per celebrare il cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo Da Vinci, di un weekend nella qui

Il Parco del Monviso diventa più grande

Il Consiglio Regionale ha recentemente riconosciuto oltre 10.000 ettari di nuove aree protette e l'istituzione di nuove riserve naturali in tutta la regione, attraverso una nuova modifica alla legge numero 19 del 2009 relativa ai Parchi.
Per effetto della legge, l'estensione complessiva delle aree naturali protette del Piemonte superer&agrav

Musei del Parco - orari di apertura

I musei del Parco seguono le stagioni della natura .
Con l'arrivo di marzo riapre il Museo del Piropo di Martiniana Po, dedicato alla geologia della Valle Po e al curioso minerale, il piropo appunto, che si trova, con queste caratteristiche di dimensioni e purezza, solo in questa zona. Il museo è aperto la domenica pomeriggio dalle 14

Al Parco...giochi e impari! Laboratori didattici per bambini e ragazzi

È in partenza una nuova iniziativa didattica realizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con l'associazione di Accompagnatori Naturalistici Vesulus, già responsabile delle attività escursionistiche promosse dal Parco e alla quale è affidata la gestione dei Centri visita dell’Ente.
I destinatari di qu

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento