GEOTERMICO A BASSA ENERGIA



Il Consiglio dei Ministri, nella seduta del 10 febbraio, ha approvato in via definitiva un decreto legislativo che opera il riassetto della disciplina in materia di ricerca e coltivazione delle risorse geotermiche al fine di garantire, in un contesto di sviluppo sostenibile del settore e assicurando adeguata protezione ambientale, un regime concorrenziale per l'utilizzo delle risorse geotermiche ad alta temperatura e la semplificazione dei relativi procedimenti amministrativi.

Il decreto, previsto dal comma 28 dell’ art.27 della Legge 99/2009, ha il merito di abrogare in toto la preesistente Legge 896/1986 sulla “Disciplina della ricerca e della coltivazione delle risorse geotermiche”. Vengono anche semplificate – ma solo in minima parte–  le procedure per l’installazione dei piccoli impianti con sonde geotermiche, un settore fino ad oggi ignorato dal legislatore nazionale.

Interessante è l’art. 10 del decreto, in cui vengono definite e regolate le “piccole utilizzazioni locali”, funzionanti sia con prelievo di acque calde sia con semplice scambio di calore con il terreno. Le Regioni (o enti da esse delegati) vengono individuate come “le autorità competenti per le funzioni amministrative, comprese le funzioni di vigilanza, riguardanti le piccole utilizzazioni locali di calore geotermico”.



Le “piccole utilizzazioni locali” individuate dal decreto sono di
due tipologie diverse: quelle che prelevano fluidi geotermici o acque calde entro certi limiti di potenza termica e di profondità dei pozzi, e quelle che scambiano calore con il terreno senza prelievo di fluidi. L’iter autorizzativo è diverso nei due casi.




Con prelievo di fluidi o acque calde



Secondo il decreto “...sono piccole utilizzazioni locali di calore geotermico quelle per le quali sono soddisfatte congiuntamente le seguenti condizioni:

• consentono la realizzazione di impianti di potenza
inferiore a 2 MW termici, (…)

• sono ottenute mediante l’esecuzione di
pozzi di profondità fino a 400 metri per ricerca, estrazione ed utilizzazione di fluidi geotermici o acque calde (…), per potenza termica complessiva non superiore a 2.000 kW termici, anche per eventuale produzione di energia elettrica con impianti a ciclo binario ad emissione nulla”.

Queste piccole utilizzazioni locali “sono concesse dalla Regione territorialmente competente con le modalità previste dal testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici, di cui al regio decreto 11 dicembre 1933, n.1775”. Per questo tipo di impianti, quindi, il decreto non prevede in realtà alcuna vera semplificazione, dal momento che è richiesta – così come è avvenuto fino ad oggi –la concessione di derivazione d’acqua ai sensi di una legge risalente agli anni 30.

E’ però esplicitamente previsto che questa tipologia di impianti, se di potenza
inferiore a 1 MW, sia “esclusa dalle procedure di verifica di assoggettabilità ambientale".

 

Senza prelievo di fluidi o acque calde



Secondo il decreto “sono altresì piccole utilizzazioni locali di calore geotermico quelle effettuate tramite l’installazione di
sonde geotermiche che scambiano calore con il sottosuolo senza effettuare il prelievo e la re-immissione nel sottosuolo di acque calde o fluidi geotermici”.



Questi impianti, i più diffusi, “sono sottoposti al rispetto della
specifica disciplina emanata dalla regione competente, con previsione di adozione di procedure semplificate”. Al momento però quasi nessuna regione italiana ha discipline specifiche in materia. La situazione quindi appare ancora molto incerta.

Si noti che il riferimento alla “previsione di adozione di procedure semplificate” ci ricorda che manca all’appello ancora un decreto perché le regioni possano deliberare nel rispetto della normativa nazionale, o adeguare le proprie regole esistenti.




Nota bene: anche questa tipologia di impianti viene esplicitamente “esclusa dalle procedure di verifica di assoggettabilità ambientale”.

 

Consulta:



Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Le escursioni del Parco di dicembre

Il Parco del Monviso con l’associazione Vesulus propone tre escursioni e due soggiorni in valle Varaita e Po durante il mese di dicembre.
Le escursioni conduranno i partecipanti alla scoperta di angoli intimi e meno frequentati delle valli del Monviso, come il vallone di Gilba e la valle del Lenta, o a osservare stambecchi e camosci ne

Musei del Parco - orario autunnale

Con l'arrivo dell'autunno si modificano gli orari dei Musei del Parco.
Chiusi dopo la stagione estiva il Centro Visite Alevè, il Centro Visite di Pian del Re e il Museo del Piropo di Martiniana Po.

Il Museo dei Fiume Po di Revello è aperto invece tutto l'anno. Ogni domenica, dalle 14,30 alle 18,30 è possi

Dal 1 novembre chiude la grotta di Rio Martino

Come ogni anno, da giovedì 1 novembre saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino, cavità naturale poco al di sopra dell’abitato di Crissolo, in valle Po. L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato sino al 31 marzo, con possibilità di proroga della chiusura in base alle condizioni

Chiuso Buco di Viso

Martedì 9 ottobre gli operai forestali della Regione Piemonte, coordinati dal funzionario tecnico Stefanino Agù, d’intesa con il Parco del Monviso e il Parco del Queyras, hanno provveduto alla chiusura dell’accesso al Buco di Viso per il periodo invernale.
'Il Buco di Viso è una risorsa importante per il nost

Le proposte di educazione ambientale 2018-19

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Giovani per lo sviluppo sostenibile: i risultati del primo Mab UNESCO Monviso Youth Camp

Sabato 15 settembre si è svolto, presso l’ex caserma Mario Musso di Saluzzo, l’incontro di presentazione dei risultati del primo MaB UNESCO Monviso Youth Camp, che si è tenuto in luglio in valle Varaita con la modalità dell’'outdoor education' in campeggio residenziale presso il rifugio Bagnour. Una scintilla

Il Cerambice della quercia

Se provate a cercare sul web 'cerambice della quercia' (Cerambyx cerdo) i risultati che otterrete saranno principalmente due:
'il Cerambice della quercia è una specie minacciata che necessita di una tutelata rigorosa, come indicato dalla Direttiva Habitat (specie inclusa negli allegati II e IV)'
'il cerambice della quercia

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Il progetto InNat alla scoperta del Cervo volante e dei coleotteri saproxilici

Quando incontro una specie minacciata o a rischio d’estinzione ma che un tempo era molto comune, mi tornano alla memoria quelle gloriose squadre di calcio, oggi relegate alle serie minori o del tutto scomparse ma che all’inizio ‘900 dominavano il campionato italiano. Società sportive di cui quasi nessuno ormai si interessa

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento