Le escursioni del Parco di dicembre

Il Parco del Monviso con l’associazione Vesulus propone tre escursioni e due soggiorni in valle Varaita e Po durante il mese di dicembre.
Le escursioni conduranno i partecipanti alla scoperta di angoli intimi e meno frequentati delle valli del Monviso, come il vallone di Gilba e la valle del Lenta, o a osservare stambecchi e camosci nel pieno della stagione degli amori.
Per trascorrere invece un Capodanno tra natura e cultura alpina, sono due le proposte organizzate, una in valle Varaita e una in valle Po: entrambe prevedono escursioni, incontri culturali e relax in alta quota.

Si precisa che tutte le escursioni saranno condotte da una Guida Naturalistica riconosciuta dalla Regione Piemonte; che si riserva la facoltà di modificare l’itinerario, anche il giorno precedente l’escursione, in caso di condizioni meteo sfavorevoli o pericoli oggettivi, previo avviso telefonico ai partecipanti.


Domenica 2 dicembre
I Pirati della Valle (Valle Varaita)
Un percorso affascinante e perfetto per le mezze stagioni, per la quota non elevata e il dislivello contenuto. Camminando lungo i sentieri andremo alla scoperta della storia di questa vallata, in cui la famosa cacciata dei Saraceni ha dato vita ad una tradizionale grande festa che persiste ancora oggi, la Baìo. E per concludere in bellezza, per chi volesse fermarsi, una gustosa merenda sinoira!

Itinerario: Partenza da Gilba - Borgata Lantermino (Brossasco), 1225 m s.l.m., al Colle del Prete, 1716 m s.l.m.
Dati tecnici: escursione facile, adatta a tutti bambini compresi, purché mediamente abituati all’attività fisica; tempo di percorrenza 3/4h circa pause escluse; durata escursione indicativa 6h; orario di partenza 10; luogo di ritrovo Brossasco, borgata Lantermino; pranzo al sacco a carico dei partecipanti, possibilità di merenda sinoira facoltativa a fine gita presso la trattoria Reloup (costo 15).
Abbigliamento e attrezzatura: scarponi da montagna, abbigliamento a cipolla, adatto alle condizioni meteo(giacca a vento, pile, guanti, berretto), borraccia, occhiali da sole, bastoncini (facoltativi).
Quota di partecipazione: 12 accompagnamento ( 8 bambini sotto ai 14 anni); 8 per tessera associativa (che fornisce assicurazione infortuni).
Prenotazioni: entro venerdì 30 novembre al 349.7209012 (Paolo) o con email a vesulus@gmail.com


Domenica 23 dicembre
Amori in alta quota (Valle Varaita)
Salendo, ciaspole ai piedi, sugli altopiani dell’alta val Varaita, stambecchi e camosci nel pieno della stagione riproduttiva offriranno uno spettacolo naturale d’eccezione! Osservarli con binocoli e potenti cannocchiali in compagnia di un esperto sarà l’occasione per conoscere tutto della loro vita e dei loro amori in alta quota!

Itinerario: Da Sant’Anna di Bellino - CN (1800 m s.l.m.) a Pian di Traversagne (2400 m s.l.m. circa)
Dati tecnici: escursione facile, adatta a tutti, purché mediamente abituati all’attività fisica; tempo di percorrenza 4h circa pause escluse; durata escursione indicativa 6h 30’; orario di partenza 9.30; luogo di ritrovo Bellino, pian Melezè; pranzo al sacco a carico dei partecipanti, possibilità di merenda sinoira facoltativa a fine gita presso il rifugio Melezè (costo 12/15). L’escursione si svolgerà con un minimo di 5 ed un massimo di 20 partecipanti.
Abbigliamento e attrezzatura: scarponi da montagna, abbigliamento a cipolla, adatto a condizioni meteo invernali (giacca a vento, pile, guanti, berretto, pantaloni caldi 'tecnici'), borraccia, ciaspole e bastoncini (noleggiabili su ri-chiesta). Consigliato binocolo.
Quota di partecipazione: 12 accompagnamento ( 8 bambini sotto ai 14 anni); 8 per tessera associativa (che fornisce assicurazione infortuni).
Prenotazioni: entro venerdì 21 dicembre al 339.6908179 (Max) o con email a vesulus@gmail.com


Mercoledì 26 dicembre
La valle del Lenta (Valle Po)
Escursione che ci porterà a scoprire la Valle del Lenta, nella sua atmosfera più intima, camminando tra antiche borgate abbandonate, al cospetto delle Rocche bianche, per raggiungere il panoramico poggio della Croce Bulè.
Il passo, punto panoramico sul Monviso, è al crocevia tra i valloni Alpetto e Bulè , ricchi di storia culturale e naturalistica.

Itinerario: Oncino frazione Ruetto (1280 m s.l.m.) Croce Bulè (1815 m s.l.m.)
Dati tecnici: escursione facile, adatta a tutti (bambini dagli 8 anni in su), purché mediamente abituati a camminare in montagna; tempo di percorrenza 4h circa pause escluse; durata escursione indicativa 6h 30’; orario di partenza 10; luogo di ritrovo Oncino, piazza Roma; pranzo al sacco a carico dei partecipanti, possibilità di merenda sinoira facoltativa a fine gita (costo 12/15). L’escursione si svolgerà con un minimo di 5 ed un massimo di 20 partecipanti.
Abbigliamento e attrezzatura: scarponi da montagna, abbigliamento a cipolla adatto alla stagione e a condizioni meteo variabili (pile, giacca a vento, guanti, berretto), occhiali da sole, borraccia.
In caso di neve necessarie racchette da neve e bastoncini. Affitto possibile su prenotazione.
Quota di partecipazione: 12 accompagnamento ( 8 bambini sotto ai 14 anni); 8 per tessera associativa (che fornisce assicurazione infortuni).
Prenotazioni: entro lunedì 24 dicembre al 349.8439091 (Alma) o con email a vesulus@gmail.com


Da domenica 30 dicembre a martedì 1 gennaio
Capodanno nelle Valli del Monviso (Valle Po)
Un capodanno unico, per unire l’occasione di festa con l’esperienza coinvolgente di un’immersione nella natura, nei paesaggi, nella storia dell'alpinismo, nella cultura e nelle tradizioni culinarie di una vallata occitana tutto da scoprire!
Soggiorno presso il rifugio 'Pian della Regina' (www.rifugiopiandellaregina.it).

UNA terra di cultura e tradizioni antichissime
DUE notti in una confortevole locanda di montagna
TRE giorni al cospetto del Monviso

Itinerario:
1 giorno:
h. 14.00: ritrovo presso il Rifugio Pian della Regina, sistemazione nelle camere e relax
h. 15.30: trasferimento a Crissolo in navetta e salita in seggiovia.
h 16.30: partenza da arrivo seggiovia e discesa nel bosco di larici
h 18.30: rientro in rifugio
h 19.30: aperitivo con breve illustrazione sull'utilizzo delle erbe officinali da parte della Dott.ssa Elisa Tarasco. Visita al laboratorio 'Essenza Monviso' e test prodotti (FB: @essenzamonviso)
h 20.30: circa cena

2 giorno:
h. 08.00: colazione
h. 09.00: partenza per escursione al Lago Fiorenza
h. 12.30: circa: pranzo al sacco
h. 16.30 circa: ritorno in rifugio
h. 17.30 19.30: momento relax, possibilità di praticare yoga in saletta riservata con maestro yoga
h. 20.00: cena con specialità locali.
h. 23.00: facoltativo trasferimento in paese per brindisi e notte bianca con musica e intrattenimenti

3 giorno:
h. 08.30 circa colazione
h. 09.30: trasferimento per escursione a Ostana 'Borghi più belli d'Italia'. Passeggiata tra le borgate verso Fraz. S.Antonio centro multimediale 'Lou Pourtun', sede di mostre itineranti.
h. 12.30 circa: facoltativo pranzo al sacco o presso Rif. Galaberna, menù degustazione 22 .
h. 14.30 circa: visita al vicino museo etnografico.
h. 16.30 saluti e partenza.

Dati tecnici: escursioni facile, adatte a tutti purché mediamente abituati a camminare in montagna. Dislivelli in salita: 1 giorno 250m, 2 giorno 450m, 3 giorno 200m. Ritrovo sabato 30 h 14.00 presso il parcheggio di Pian della Regina a monte dell'abitato di Crissolo.
Abbigliamento e attrezzatura: scarponi da montagna, zaino e abbigliamento da montagna tecnico, (giacca a vento guscio impermeabile, maglia in pile, maglietta traspirante, pantaloni tecnici, guanti, berretto); cambio per il 2 e 3 giorno; effetti personali; torcia frontale; sacco lenzuolo; snacks e bevande; bastoncini, crema solare e occhiali da sole. Per chi in possesso: ramponi da escursionismo.
Quota di partecipazione: 75 per Guida Naturalistica, pratica yoga, museo etnografico; 110 per 2 mezze pensioni al Rifugio Pian della Regina in camere con 2-4 letti a castello oppure 160 a persona per 2 mezze pensioni in camera matrimoniale con bagno privato; 20 per 2 pranzi al sacco (2 e 3 giorno) oppure 32 per 1 pranzo al sacco e 1 pranzo degustazione al Rifugio Galaberna; 6 per una salita in seggiovia; 5 /giorno per affitto ciaspole (se necessario); 8 per tessera associativa (che fornisce assicurazione infortuni).
Totale variabile in base alle opzioni scelte: dai 219 ai 281 a persona escluso l’affitto delle ciaspole.
Per la prenotazione è richiesta una caparra di 80 /persona, da versare tramite bonifico con i seguenti dati:
Associazione Naturalistica Vesulus
BANCA REGIONALE EUROPEA FILIALE DI BAGNOLO P.TE
IBAN: IT 78 C 03111 45950 0000 0000 4084
Causale: Capodanno Valle Po
Prenotazioni: entro lunedì 10 dicembre, salvo esaurimento posti disponibili, al 349.8439091 (Alma) o con email a vesulus@gmail.com


Da domenica 30 dicembre a martedì 1 gennaio
Capodanno nelle Alpi Occitane (Valle Varaita)
Un capodanno unico, per arricchire l’occasione di festa con l’esperienza coinvolgente di un’immersione nella natura, nei paesaggi, nella musica, nella cultura e nelle tradizioni culinarie di una vallata occitana tutto da scoprire!
Soggiorno presso il rifugio 'Meira Paula' (www.meirapaula.it).

UNA terra di cultura e tradizioni antichissime
DUE notti in una confortevole locanda di montagna
TRE giorni negli splendidi panorami delle Alpi Occitane!

Itinerario:
1 giorno: 'Musica e leggende d’Oc'
h. 14.00: ritrovo presso Albergo-ristorante 'Amici'
h. 14.30: partenza a piedi per il rifugio attraverso un percorso/ciaspolata tra i 'Sarvanot', misterioso piccolo popolo delle leggende occitane
h. 16.30 circa: arrivo in rifugio
h 16.30 19.00: momento relax (sauna, riposo, aperitivo, ecc)
h 19.30: cena
h 21.30 23.30: laboratorio di musica e danze occitane (a cura del centro culturale 'Lu Cunvent' di Rore)

2 giorno: 'Panorami d’Oc'
h. 08.00: colazione
h. 09.00: partenza per escursione/ciaspolata sul monte Ricordone, balcone panoramico sulla Valle Varaita e sul Mon-viso
h. 12.30 circa: pranzo al sacco in vetta
h. 17.00 circa: ritorno in rifugio
h. 17.00 19.00: momento relax (sauna, riposo, aperitivo, ecc)
h. 19.30: cenone di Capodanno con specialità gastronomiche preparate con ingredienti prodotti localmente
h. 24.00: brindisi

3 giorno: 'Vivere in Occitania'
h. 08.30: colazione
h. 09.30: partenza per escursione/ciaspolata tra antiche borgate di montagna, fra storia e tradizioni locali
h. 12.30 circa: pranzo al sacco
h. 16.00 circa: fine escursione e ritorno alle auto

Dati tecnici: escursioni facile, adatte a tutti purché mediamente abituati a camminare in montagna. Dislivelli in salita: 1 giorno 450m, 2 giorno 450m, 3 giorno solo discesa. Ritrovo sabato 30, h 14.00 presso il parcheggio dell’albergo-ristorante 'Amici' di Rore, frazione di Sampeyre (CN); per esigenze diverse contattare la Guida.
Abbigliamento e attrezzatura: scarponi da montagna, abbigliamento da montagna tecnico, (giacca a vento impermeabile, maglia in pile, maglietta traspirante, pantaloni tecnici, guanti, berretto); poncho impermeabile; cambio per il 2 e 3 giorno; effetti personali; torcia frontale; sacco lenzuolo; snacks e bevande; bastoncini.
Quota di partecipazione: 75 per Guida Naturalistica; 145 per soggiorno nel Rifugio Meira Paula (inclusi cenone con aperitivo di capodanno e laboratorio di musica occitana); 20 totali per 2 pranzi al sacco (2 e 3 giorno); 10 per sauna (facoltativa); 5 /giorno per affitto ciaspole (se necessarie); 8 per tessera associativa Vesulus (che fornisce assicurazione infortuni).
Totale 248 a persona, esclusi sauna ed affitto ciaspole.
Per la prenotazione è richiesta una caparra di 83 /persona, da versare tramite bonifico con i seguenti dati:
Benificiario: Associazione Naturalistica Vesulus
BANCA REGIONALE EUROPEA FILIALE DI BAGNOLO P.TE
IBAN: IT 78 C 03111 45950 0000 0000 4084
Causale: Capodanno 2018 Alpi occitane

PROGRAMMA ALTERNATIVO 4 GIORNI
È previsto un programma alternativo, per chi volesse iniziare il soggiorno già il giorno sabato 29 dicembre. Tale programma consiste in una giornata aggiuntiva con escursione/ciaspolata al Colle di Cervetto, balcone naturale sulla parete sud del Monviso, e visita gratuita al Museo Etnografico di Sampeyre.
Il costo in questo caso sarà il seguente:
80 per Guida Naturalistica; 180 per soggiorno nel Rifugio Meira Paula (inclusi cenone con aperitivo di capodanno e laboratorio di musica occitana); 20 totali per 2 pranzi al sacco (2 e 3 giorno); 5 /giorno per affitto ciaspole (se necessarie); Sauna per sabato e domenica OFFERTA dal rifugio.
Totale 288 /persona, escluso affitto ciaspole (se necessarie).
Per la caparra procedere come sopra indicato, ma con bonifico di 88 /persona.

Prenotazioni: entro lunedì 10 dicembre, salvo esaurimento posti disponibili, al 339.6908179 (Max) o con email a ve-sulus@gmail.com



Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Venerdì 15 febbraio serata con il CAI Monviso

Venerdì 15 febbraio primo appuntamento con 'Montagna di Sera', rassegna del CAI Monviso Saluzzo che gode del sostegno di Comune di Saluzzo e Parco del Monviso. Il primo ospite del ciclo di incontri sarà Gian Luca Boetti, che proporrà un viaggio sui sentieri delle Isole Minori d’Italia con una coinvolgente proiezione di fo

Le escursioni del Parco del 16 e 17 febbraio

A febbraio due proposte del Parco del Monviso in collaborazione con l’associazione Vesulus: sabato 16 e domenica 17 a Crissolo e Ostana una due giorni di ciaspolate e danze occitane con vista sul Monviso in occasione di San Valentino, e domenica 17 a Pian Munè di Paesana un’escursione pomeridiana per ammirare il tramonto al cospe

100.000 volte!

Una settimana fa abbiamo pubblicato sulla nostra pagina il video che racconta il Parco del Monviso: più di 100.000 persone lo hanno già visto sulla propria home di Facebook in forma organica e il dato continua a salire.
Grazie a tutti per l'apprezzamento: vi invitiamo a scoprire il Parco anche lungo i suoi sentieri ai piedi de

Musei del Parco - orario invernale

I musei del Parco seguono le stagioni della natura .
Chiusi dopo la stagione estiva il Centro Visite Alevè, il Centro Visite di Pian del Re e il Museo del Piropo di Martiniana Po.

Il Museo dei Fiume Po di Revello è aperto invece tutto l'anno. Ogni domenica, dalle 14,30 alle 18,30 è possibile scoprire i di

LE ANATRE TUFFATRICI - La Moretta comune e il Moriglione

LE ANATRE TUFFATRICI
Alcune anatre sono particolarmente abili nel nuoto subacqueo, si tratta delle cosiddette anatre tuffatrici*, a cui appartengono molte specie tipiche delle regioni nordiche**. Alcune di esse sono anche osservabili alle nostre latitudini, soprattutto nel periodo invernale e tra tutte, la Moretta comune &eg

La Canapiglia (Mareca strepera)

È un’anatra dalle dimensioni simili a quelle del Gemano reale (lunghezza 4656 cm e apertura alare 7890 cm) dal quale si distingue, almeno nel maschio, per il piumaggio dal colore prevalente grigio, con sfumature marrone chiaro e nero. La femmina invece ricorda molto quella del Germano reale ma si distingue da essa per alcuni importan

Al Parco...giochi e impari! Laboratori didattici per bambini e ragazzi

È in partenza una nuova iniziativa didattica realizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con l'associazione di Accompagnatori Naturalistici Vesulus, già responsabile delle attività escursionistiche promosse dal Parco e alla quale è affidata la gestione dei Centri visita dell’Ente.
I destinatari di qu

Fischione (Mareca penelope)

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo delle anatre svernanti nel Parco, descrivendo alcune specie piuttosto appariscenti ma decisamente meno frequenti rispetto al Germano reale e all’Alzavola già trattate nei precedenti articoli.
Si tratta di anatre spesso rappresentate soltanto da pochi individui e per nessuna di esse &egrav

Incontro tra le equipe del Parco del Monviso e del Parco del Queyras

Si è tenuta lunedì 21 gennaio a Salbertrand, in valle Susa, la riunione programmatica delle équipe del Parco del Monviso e del Parc naturel régional du Queyras, che da diversi anni collaborano alla gestione della Riserva della Biosfera Transfrontaliera del Monviso, inserita nel programma UNESCO Man and Biosphere.

Alzavola (Anas crecca)

L’alzavola è una piccola e timida anatra, in cui il maschio presenta una vistosa colorazione rosso e verde sul capo e una tipica ed evidente macchia gialla sulla coda. La femmina, come in tutte le altre specie di anatidi, mostra invece un piumaggio mimetico con colori marroni ma puó essere facilmente distinta dalle femmine di a

Il germano reale

Si tratta senza ombra di dubbio dell’anatra più comune e numerosa nella nostra regione e di uno degli animali più noti anche ai non appassionati di Natura. Spesso chiamato semplicemente 'papera', è nell’immaginario comune, l’animale tipico degli ambienti acquatici e ricorre immancabilmente nell’iconograf

Con l’inverno prepariamoci all’arrivo delle anatre!

Nella stagione fredda, laghi, stagni e corsi d’acqua si popolano di un gran numero di uccelli acquatici che diventano assai più numerosi rispetto a tutte le altre stagioni, grazie all’arrivo di individui nordici. Molti uccelli, e in particolare le anatre, fuggono dalle rigide temperature dei loro luoghi di riproduzione. Essi trov

Sul Pellice meno uova di trota marmorata

Sabato 5 gennaio si è tenuta l’annuale passeggiata lungo le sponde del torrente Pellice alla ricerca dei luoghi dove le trote depongono le uova, organizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con il Servizio di Tutela della fauna e della flora della Città Metropolitana di Torino.
L’attività didattico-sci

Dal 1 novembre chiude la grotta di Rio Martino

Come ogni anno, da giovedì 1 novembre saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino, cavità naturale poco al di sopra dell’abitato di Crissolo, in valle Po. L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato sino al 31 marzo, con possibilità di proroga della chiusura in base alle condizioni

Le proposte di educazione ambientale 2018-19

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento