1° tappa di Officina Monviso: in 111 in Valle Maira

Consueto, come ogni primo mercoledì di luglio, il 4 luglio è ripartita l'avventura di Officina Monviso, con la prima tappa in Valle Maira, sul sentiero degli acciugai.
111 i partecipanti alla prima escursione, di cui condividiamo il racconto di Pierfranco, il 'maestro', uno dei volontari e delle anime di questo progetto di condivisione e integrazione, che permette a tutti di godere delle bellezza delle nostre montagne

'Finalmente la Valle Maira! Che ti attanaglia subito, appena fuori Dronero, col suo fascino selvaggio ed incontaminato, con le sue atmosfere che forse sono di ieri, ma che, per nostra fortuna continuano ancora oggi.
Terra di migranti la Valle Maira. Fino a non molti decenni fa gli anziani continuavano a raccontare dei tanti valligiani rimasti sotto le slavine dell’erta mulattiera del colle del Sautron, tentando di passare in Francia per trovare un lavoro, un lavoro qualsiasi pur di poter sfamare la famiglia.
Terra di alpini la Valle Maira. Mandati a morire prima sull’altipiano della Bainsizza e sul Rombon, poi un quarto di secolo dopo nelle steppe di Russia.
Terra di partigiani la Valle Maira. Con i GL di Giorgio (Bocca) e Detto sul versante destro orografico e con i garibaldini di Steve e Nini su quello sinistro, che insieme dettero vita per quasi tre mesi, nell’estate del ’44, alla Libera Repubblica della Valle Maira.
Terra di suggestioni antiche la Valle Maira che aumentano quando svolti a sinistra e ti inerpichi per la stretta valle laterale su su fino a Celle, a Seles per dirla in occitano.
In questo recondito, minuscolo paesino trovi il museo degli acciugai. Antico e faticoso mestiere itinerante quello degli acciugai, inventato dagli avi per non morire di fame. Mestiere che si è diffuso solo qui nel vallone di Celle e in quelli immediatamente adiacenti verso il basso di Moschieres e della Margherita. Sembrerà strano ma gli acciugai venivano e vengono da questi soli tre valloni sul versante destro della valle; solo qualche artigiano collegato stava altrove: ad Albaretto quelli che costruivano i barilotti, a Tetti di Dronero quelli che assemblavano i carretti. E allora se nel salire con la macchina chiudo gli occhi, come faccio a non tornare al mitico nonno Rovera (‘l loup), tra i primi grossisti, citato persino da Nico Orengo. Come faccio a non tornare ai parenti e agli amici acciugai che tra un bicchiere di vino e l’altro illustravano a me profano la differenza tra le favolose acciughe di Spagna (meglio, del mar Cantabrico), con tanta carne e ben mature, da gustarsi in purezza, contaminate al massimo da un filo d’olio e quelle siciliane, che sì va bene … ma … meglio aggiungervi ‘l bagnet verd …
Appena ti fermi ritorni al presente, rappresentato dal viso solare e incorniciato da un’accattivante barba bianca, di Augusto, un bergamasco trapiantato da anni a Celle. Augusto è a disposizione per tutto. Si fa in quattro, anzi in otto; porta i pulmini al parcheggio, fa da guida, da cicerone perché sa tutto dei luoghi, delle case, degli abitanti. Tutto quanto gli chiedi te lo spiega, per di più lo fa sprizzando gioiosità da tutti i pori, il che mette ancora più a loro agio i nostri utenti.
I Servizi uno dopo l’altro arrivano: l’atmosfera gioiosa contamina tutti e la contentezza si vede. Ma … dobbiamo ancora partire, si aggiungono anche due Forestali che si mettono subito a disposizione, immediatamente ammirati dai nostri ragazzi.
Claudio comincia a distribuire la bandane, quest’anno blu, poi si interrompe perché arriva a salutarci il Sindaco, Antonio Garino, che all’uopo ha addirittura interrotto la seduta di Giunta. Per ringraziarlo l’unica cosa che possiamo fare, con i nostri potenti mezzi, è fare omaggio anche a lui di una delle nostre bandane.
Si continua con i baci e gli abbracci perché con molti non ci si vede da parecchio tempo. Qualcuno comincia da entrare nel museo e le squisite signore addette, ovviamente volontarie, illustrano subito i vari reperti, cosa che faranno almeno altre decine di volte.
Poi Mario raccoglie le fila e riesce a farci partire. Il sentiero, degli acciugai ca va sans dire, è proprio un sentiero da percorrere in fila indiana con un lungo serpentone, faticoso ma nemmeno tanto: nessuno si lamenta.
Appena giunti a Castellaro, la borgata superiore, è uno spandersi spontaneo per osservare il Castello, le molte case ristrutturate, varie sculture in legno tra cui l’orso. Poi davanti alla chiesa le rituali foto di gruppo più volte ripetute per accontentare tutti.
Nella discesa, forse perché un po’ meno faticosa, sono tutti più attenti ad osservare il bosco, le radure, i fiori di tutti i tipi e le mucche, che per molti dei nostri sono una cosa rara.
Più o meno all’ora prevista torniamo a borgata Chiesa da dove eravamo partiti quasi tre ore prima. Per il pranzo è giocoforza spargersi tra il campo giochi e i dintorni del museo della Chiesa; d’altronde siamo in tanti: Domenico ne ha contati 111, molti di più dei residenti del luogo.
Rifocillato il corpo, qualcuno comincia già a pensare al ritorno, ma alcune voci bloccano tutti. Bisogna assolutamente entrare in Chiesa perché c’è qualcosa di molto prezioso da vedere. E infatti, appena oltrepassata la soglia, non si puó non essere colpiti dall’abbacinante bellezza del polittico di Hans Clemer posto al fondo dell’abside. Dai suoi colori, dai volti, dai tratti, dalle pieghe dei vestiti dei suoi Santi e della sua Madonna con Bambino. Non sono importanti le spiegazioni, i dettagli tecnici e storici, che pure ci vogliono. Così come non è importante sapere come mai un pittore così eccelso sia capitato tra questi monti. L’importante è ammirare la bellezza di quest’opera d’arte collegandola con la bellezza di questi luoghi all’apparenza così remoti, eppur così vicini. Senza dimenticare che un’opera di tal fatta ben poche città se la possono permettere. A Torino (per dirne una) per trovarne di eguali bisogna entrare alla Galleria Sabauda e … pagare il biglietto. Qui è tutto gratis, com’è gratis la bellezza del luogo.
Giunge l’ora di partire: ti viene da indugiare, da fare ancora un giro tanto per imprimere tutto nella memoria, ma il tempo stringe.
Salgo in macchina, davanti a me sul pulmino con Elena del Punto Rete Tabasso ci sono anche i migranti ospitati in due strutture gestite dalla cooperativa Altrimodi a Torino. Accanto a me è seduto l’amico sudanese Ahmed, col volto felice perché ha appena ottenuto la 'protezione internazionale' ed un incarico di lavoro, abbastanza stabile. Quante volte ci ha raccontato le dolorosissime vicissitudini che l’hanno costretto ad arrivare fin qui per non morire di fame? Allora mi vien da pensare che i racconti dei vecchi valligiani che parlavano di morte per neve sul Sautron non sono di cento anni fa. Sono di oggi, di questo inverno, basta cambiare il nome della valle e del colle; Val di Susa, colle della Scala.
' Sei ancora quello di sempre, uomo del mio tempo'.
Purtroppo!
Grazie a tutti, scusate le digressioni.

Maestro'



Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Venerdì 15 febbraio serata con il CAI Monviso

Venerdì 15 febbraio primo appuntamento con 'Montagna di Sera', rassegna del CAI Monviso Saluzzo che gode del sostegno di Comune di Saluzzo e Parco del Monviso. Il primo ospite del ciclo di incontri sarà Gian Luca Boetti, che proporrà un viaggio sui sentieri delle Isole Minori d’Italia con una coinvolgente proiezione di fo

Le escursioni del Parco del 16 e 17 febbraio

A febbraio due proposte del Parco del Monviso in collaborazione con l’associazione Vesulus: sabato 16 e domenica 17 a Crissolo e Ostana una due giorni di ciaspolate e danze occitane con vista sul Monviso in occasione di San Valentino, e domenica 17 a Pian Munè di Paesana un’escursione pomeridiana per ammirare il tramonto al cospe

100.000 volte!

Una settimana fa abbiamo pubblicato sulla nostra pagina il video che racconta il Parco del Monviso: più di 100.000 persone lo hanno già visto sulla propria home di Facebook in forma organica e il dato continua a salire.
Grazie a tutti per l'apprezzamento: vi invitiamo a scoprire il Parco anche lungo i suoi sentieri ai piedi de

Musei del Parco - orario invernale

I musei del Parco seguono le stagioni della natura .
Chiusi dopo la stagione estiva il Centro Visite Alevè, il Centro Visite di Pian del Re e il Museo del Piropo di Martiniana Po.

Il Museo dei Fiume Po di Revello è aperto invece tutto l'anno. Ogni domenica, dalle 14,30 alle 18,30 è possibile scoprire i di

LE ANATRE TUFFATRICI - La Moretta comune e il Moriglione

LE ANATRE TUFFATRICI
Alcune anatre sono particolarmente abili nel nuoto subacqueo, si tratta delle cosiddette anatre tuffatrici*, a cui appartengono molte specie tipiche delle regioni nordiche**. Alcune di esse sono anche osservabili alle nostre latitudini, soprattutto nel periodo invernale e tra tutte, la Moretta comune &eg

La Canapiglia (Mareca strepera)

È un’anatra dalle dimensioni simili a quelle del Gemano reale (lunghezza 46–56 cm e apertura alare 78–90 cm) dal quale si distingue, almeno nel maschio, per il piumaggio dal colore prevalente grigio, con sfumature marrone chiaro e nero. La femmina invece ricorda molto quella del Germano reale ma si distingue da essa per alcuni importan

Al Parco...giochi e impari! Laboratori didattici per bambini e ragazzi

È in partenza una nuova iniziativa didattica realizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con l'associazione di Accompagnatori Naturalistici Vesulus, già responsabile delle attività escursionistiche promosse dal Parco e alla quale è affidata la gestione dei Centri visita dell’Ente.
I destinatari di qu

Fischione (Mareca penelope)

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo delle anatre svernanti nel Parco, descrivendo alcune specie piuttosto appariscenti ma decisamente meno frequenti rispetto al Germano reale e all’Alzavola già trattate nei precedenti articoli.
Si tratta di anatre spesso rappresentate soltanto da pochi individui e per nessuna di esse &egrav

Incontro tra le equipe del Parco del Monviso e del Parco del Queyras

Si è tenuta lunedì 21 gennaio a Salbertrand, in valle Susa, la riunione programmatica delle équipe del Parco del Monviso e del Parc naturel régional du Queyras, che da diversi anni collaborano alla gestione della Riserva della Biosfera Transfrontaliera del Monviso, inserita nel programma UNESCO Man and Biosphere.

Alzavola (Anas crecca)

L’alzavola è una piccola e timida anatra, in cui il maschio presenta una vistosa colorazione rosso e verde sul capo e una tipica ed evidente macchia gialla sulla coda. La femmina, come in tutte le altre specie di anatidi, mostra invece un piumaggio mimetico con colori marroni ma puó essere facilmente distinta dalle femmine di a

Il germano reale

Si tratta senza ombra di dubbio dell’anatra più comune e numerosa nella nostra regione e di uno degli animali più noti anche ai non appassionati di Natura. Spesso chiamato semplicemente 'papera', è nell’immaginario comune, l’animale tipico degli ambienti acquatici e ricorre immancabilmente nell’iconograf

Con l’inverno prepariamoci all’arrivo delle anatre!

Nella stagione fredda, laghi, stagni e corsi d’acqua si popolano di un gran numero di uccelli acquatici che diventano assai più numerosi rispetto a tutte le altre stagioni, grazie all’arrivo di individui nordici. Molti uccelli, e in particolare le anatre, fuggono dalle rigide temperature dei loro luoghi di riproduzione. Essi trov

Sul Pellice meno uova di trota marmorata

Sabato 5 gennaio si è tenuta l’annuale passeggiata lungo le sponde del torrente Pellice alla ricerca dei luoghi dove le trote depongono le uova, organizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con il Servizio di Tutela della fauna e della flora della Città Metropolitana di Torino.
L’attività didattico-sci

Dal 1° novembre chiude la grotta di Rio Martino

Come ogni anno, da giovedì 1° novembre saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino, cavità naturale poco al di sopra dell’abitato di Crissolo, in valle Po. L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato sino al 31 marzo, con possibilità di proroga della chiusura in base alle condizioni

Le proposte di educazione ambientale 2018-19

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento