A scuola di biodistretti

Nella giornata di venerdì 20 aprile, il Parco del Monviso, in collaborazione con Scuola Malva Arnaldi di Bibiana, ha organizzato una visita del biodistretto ligure della Val di Vara (SP), una delle realtà più interessanti nel contesto dell’agricoltura biologica a livello nazionale.
L’iniziativa rientra nelle azioni volte ad avviare il progetto MONBIO, un biodistretto per i territori del Monviso (Valle Po, Val Varaita, Valle Bronda, Infernotto, Val Pellice e Saluzzese).
Un biodistretto è un’area geografica dove agricoltori, cittadini, operatori turistici, associazioni e pubbliche amministrazioni stringono un accordo per la gestione sostenibile delle risorse locali, partendo dal modello biologico di produzione e consumo (filiera corta, gruppi di acquisto, mense pubbliche bio).
L’idea di un distretto biologico per il vasto territorio attorno al Monviso, nasce dall’esigenza di valorizzare le molteplici e vivaci realtà agricole biologiche già presenti e alla ricerca di maggiore visibilità per le loro produzioni ma anche dalla domanda dei cittadini, sempre più interessati ad acquistare a prezzi onesti, alimenti sani e in grado di tutelare la salute e l’ambiente. Un biodistretto puó infine rappresentare, per molte aziende convenzionali, l’opportunità di convertirsi al biologico in un contesto dinamico, dialogante e in grado di assistere e valorizzare il proprio lavoro.
Sono peró anche molti altri gli attori e le organizzazioni che rivestono un ruolo determinante nella costituzione e nella gestione di un biodistretto, a cominciare dalle pubbliche amministrazioni e dalle scuole che, con il loro esempio e attraverso l’attuazione di iniziative, possono influenzare positivamente le abitudini dei consumatori e dei mercati locali. Gli operatori turistici infine possono rappresentare un importante tassello nel processo di valorizzazione del biologico, creando un’offerta turistica di qualità e di sicuro richiamo.
La scelta di visitare il biodistretto della Val di Vara, piccola ma dinamica realtà dell’entroterra ligure e terra di confine tra la Liguria, la Toscana e l’Emilia-Romagna, si deve alla storia recente di questa valle che, scegliendo di convertirsi al biologico verso la fine degli anni 90’, ha visto rifiorire economicamente e socialmente un territorio che stava andando incontro ad un inesorabile spopolamento ed abbandono.
Oggi questo biodistretto è una delle realtà più dinamiche nel panorama bio italiano e rappresenta un punto di riferimento importante per tutte le progettualità di medesima natura già avviate o che stanno nascendo nel panorama italiano.
La visita a questo biodistretto ha rappresentato per tutti i potenziali attori di MONBIO, un momento formativo importante per acquisire gli strumenti e i metodi per la creazione e la gestione di un biodistretto.
Molte le realtà rappresentate dai 28 partecipanti tra cui: aziende agricole biologiche, amministrazioni pubbliche, tecnici agricoli ed enti di promozione locale.
Il programma della giornata ha previsto un primo momento di accoglienza e di presentazione del Biodistretto della Val di Vara presso la sala consiliare del Comune di Varese Ligure e la visita di due aziende operanti sul territorio: Cooperativa Casearia Val di Vara e la Cooperativa San Pietro Vara (allevamento biologico bovini).
Tutte occasioni importanti e di grande interesse per i partecipanti che hanno potuto raccogliere utili stimoli direttamente dalla voce di amministratori e agricoltori locali che, sebbene provenienti da una realtà molto diversa da quella dei nostri territori, hanno raccontato con passione le ragioni storiche della loro 'scelta Bio' e illustrato le prospettive presenti e future della loro realtà.
Il presidente del Parco del Monviso, Gianfranco Marengo, a seguito della visita presso le aziende della valle ha sottolineato l’importanza di simili realtà locali, che con la scelta di convertirsi alle produzioni biologiche, sono state in grado di creare e mantenere 20 posti di lavoro (considerando le sole cooperative casearia e San Pietro Vara) in un territorio che conta poco più di 6500 abitanti e che fino a metà degli anni ’90 sembrava andare incontro ad un inarrestabile spopolamento e al conseguente declino economico, sociale e produttivo.

Roberto Ostellino

Saluzzo, 30 aprile 2018


Note:
Il biodistretto è localizzato nell’Alta Val di Vara, la porzione più interna del territorio della provincia della Spezia, si estende su un territorio di circa 345 km2 e comprende 7 comuni: Varese ligure, Maissana, Carro, Carrodano, Zignago, Sesta Godano, Rocchetta Vara.
La consacrazione a territorio biologico risale al 2013 quando con Delibera n. 376/2013 del 05 Aprile 2013 la Regione Liguria ha formalmente riconosciuto il biodistretto della Val di Vara. Da sottolineare l’attenzione al tematiche biologiche da parte della Liguria, una delle poche regioni italiane ad aver legiferato sul tema dei biodistretti con la legge 66/2009 (disciplina degli interventi per lo sviluppo, la tutela, la qualificazione e la valorizzazione delle produzioni biologiche liguri) norma che riconosce all’agricoltura biologica il ruolo di motore primario per un’economia sostenibile, capace di creare valore e posti di lavoro ma in sintonia con le esigenze di conservazione del paesaggio e dei valori culturali espressi dal territorio.

Riferimenti:
http://www.biodistrettovaldivara.it/
www.scuolamalva.it

https://youtu.be/fBDrk9i1hJs

Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Le escursioni del Parco di febbraio

A febbraio due proposte del Parco del Monviso in collaborazione con l’associazione Vesulus: sabato 16 e domenica 17 a Crissolo e Ostana una due giorni di ciaspolate e danze occitane con vista sul Monviso in occasione di San Valentino, e domenica 17 a Pian Munè di Paesana un’escursione pomeridiana per ammirare il tramonto al cospe

Con l’inverno prepariamoci all’arrivo delle anatre!

Nella stagione fredda, laghi, stagni e corsi d’acqua si popolano di un gran numero di uccelli acquatici che diventano assai più numerosi rispetto a tutte le altre stagioni, grazie all’arrivo di individui nordici. Molti uccelli, e in particolare le anatre, fuggono dalle rigide temperature dei loro luoghi di riproduzione. Essi trov

Manomissioni nel Parco del Monviso

Pochi giorni fa è stato notificato il decreto di sequestro disposto dalla Procura di Cuneo su alcuni attrezzi presumibilmente utilizzati per danneggiare le tabelle di confine del Parco situate in alta Valle Varaita.
Il procedimento fa seguito ad un fermo operato dai Guardiaparco impegnati nella vigilanza territoriale, che hanno sorpr

Sul Pellice meno uova di trota marmorata

Sabato 5 gennaio si è tenuta l’annuale passeggiata lungo le sponde del torrente Pellice alla ricerca dei luoghi dove le trote depongono le uova, organizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con il Servizio di Tutela della fauna e della flora della Città Metropolitana di Torino.
L’attività didattico-sci

Reclutamento personale

L’Ente Parco, a seguito di apposita procedura d’appalto, ha incaricato l’Agenzia 'Gi Group' - Sede di Saluzzo (CN), v. Circonvallazione 16/A per il reclutamento del seguente Personale:

Area tecnica - n. 1 istruttore tecnico

Il candidato deve essere in possesso di un titolo di studio di maturit&agrav

Le escursioni del Parco di gennaio

Il Parco del Monviso con l’associazione Vesulus propone due escursione di tre giorni in valle Varaita, con pernottamento al rifugio Meira Paula di Sampeyre.
L’escursione sarà un 'percorso rituale' fra mito, natura e teatro alla ricerca del lupo che c’è fuori e dentro di noi. A condurre le attività una g

Musei del Parco - orario invernale

I musei del Parco seguono le stagioni della natura .
Chiusi dopo la stagione estiva il Centro Visite Alevè, il Centro Visite di Pian del Re e il Museo del Piropo di Martiniana Po.

Il Museo dei Fiume Po di Revello è aperto invece tutto l'anno. Ogni domenica, dalle 14,30 alle 18,30 è possibile scoprire i di

Dal 1 novembre chiude la grotta di Rio Martino

Come ogni anno, da giovedì 1 novembre saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino, cavità naturale poco al di sopra dell’abitato di Crissolo, in valle Po. L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato sino al 31 marzo, con possibilità di proroga della chiusura in base alle condizioni

Le proposte di educazione ambientale 2018-19

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento