A proposito della rievocazione della Battaglia di Staffarda

Quello che le cronache non dicono

è, normalmente, quella parte di verità che compromette l’'audience', facendo venir meno quel tanto di scandalistico che spesso la alimenta.

Si direbbe sia il caso anche del recente articolo del Corriere di Saluzzo, dal suggestivo sottotitolo 'Staffarda: i pipistrelli battono i dragoni rossi'

Ovvero: la storica rievocazione della battaglia di Staffarda è stoppata dalla Regione Piemonte, per salvaguardare dei pipistrelli (e da qui gli scontati giudizi che possiamo immaginare).

Proviamo, dunque, a completare in due passaggi la comunicazione, con qualche elemento in più di conoscenza dei fatti e ad immaginare l’impatto di tale articolo, se venissero a mancare:

1) l’effetto 'fulmine a ciel sereno';
2) l’effetto 'dagli all’untore'(nella fattispecie il famigerato 'burocrate').

1) Nella prima parte dell’articolo le informazioni date (e la forma dubitativa che la contraddistingue) portano a definire 'inaspettato' il provvedimento con cui la Regione ha posto un vincolo di data allo svolgimento della manifestazione (non vietandolo, si badi bene)

Ma che cosa c’è di realmente 'inaspettato' in questa vicenda?
- Non la presenza, nel chiostro dell’abbazia, della colonia di pipistrelli, che è scrupolosamente ed efficacemente monitorata dalla Stazione Teriologica Piemontese (S.Te.P.), almeno dal 2004.
- Non il fatto che si tratta di specie tutelate a livello internazionale: lo attestano le cautele da sempre usate per ogni tipo di intervento dall’Ordine Mauriziano, proprietario dell’abbazia, dall’Amministrazione comunale e dagli operatori turistici, impegnati a valorizzarne la presenza, suscitando interesse e coinvolgimento dei fruitori.
- Non il regime di particolare protezione (proposto Sito di Importanza Comunitaria) di cui gode l’area, a seguito di Deliberazione della Regione Piemonte dell’aprile 2017.

E di più.

Nel 2014 il gruppo storico aveva organizzato la manifestazione a fine estate, 'correttamente', come è scritto nel provvedimento regionale, senza generare alcun problema.

Nel 2016 invece, all’ 'ultimo momento' la stessa associazione rendeva noto che la manifestazione si sarebbe svolta nel mese di giugno, chiedendo - su sollecitazione del Sindaco un parere all’Ente Parco: non avendo allora come ora competenza autorizzativa in merito, l’Ente Parco non poté fare altro che ribadire alcune raccomandazioni e segnalare la necessità di calendarizzare i successivi eventi, in accordo tra i soggetti interessati, per garantire la tutela dei Chirotteri.

Nei due anni successivi, non solo i 'Boschi e colonie di chirotteri di Staffarda' sono stati proposti quale Sito di Importanza Comunitaria, come detto prima, ma il gruppo storico organizzatore non si è fatto vivo se non di nuovo a 'cose fatte', per chiedere quale sarebbe stata la procedura da seguire per la richiesta di autorizzazione della manifestazione, sempre al mese di giugno. Nella piena consapevolezza, ovviamente, che l’incidenza negativa sulla vita della colonia di pipistrelli, già evidenziata due anni prima, sarebbe emersa in maniera ancora più pressante.

Pare dunque esserci ben poco spazio per la sorpresa; semmai si direbbe 'inaspettato' il fatto che il gruppo storico, che organizza con maestria ed efficacia eventi del genere, abbia ignorato l’invito fatto due anni prima a collaborare nell’individuazione di una soluzione alternativa a quella proposta.

2) Per quanto riguarda l’effetto 'dagli all’untore (ovvero al burocrate)', la tesi conclusiva dell’articolo è che la battaglia si sia giocata sulle carte: una battaglia, quindi, per sua natura impari.

Si tratta invece di una battaglia culturale. E nell’attesa di conoscerne il vincitore, normative democraticamente prodotte tutelano specie ed habitat.

Nella colonia di chirotteri il periodo 'metà maggio-fine luglio' è quello in cui è previsto che anche le 'mamme-pipistrello' partoriscano e svezzino i loro piccoli in 'santa' pace (dove, se non nel chiostro di un’abbazia?); di conseguenza, spari, musiche, luci e gli 'allegri baccani festaioli' citati nell’articolo devono essere tenuti distanti: la rievocazione così come ideata puó essere fatta nei rimanenti mesi dell’anno, oppure lontano da lì.

Altro che battaglia giocata sulle carte burocratiche!

Certo, alla luce di queste considerazioni la vittoria dei pipistrelli sui 'dragoni rossi' assume toni molto meno epici di quanto i titoli lascino immaginare; tuttavia, forse, la necessità di corretta informazione è oggi più urgente di quella di nuove 'epiche'.

Massimo Grisoli
Direttore del Parco del Monviso


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Le escursioni del Parco di febbraio

A febbraio due proposte del Parco del Monviso in collaborazione con l’associazione Vesulus: sabato 16 e domenica 17 a Crissolo e Ostana una due giorni di ciaspolate e danze occitane con vista sul Monviso in occasione di San Valentino, e domenica 17 a Pian Munè di Paesana un’escursione pomeridiana per ammirare il tramonto al cospe

Con l’inverno prepariamoci all’arrivo delle anatre!

Nella stagione fredda, laghi, stagni e corsi d’acqua si popolano di un gran numero di uccelli acquatici che diventano assai più numerosi rispetto a tutte le altre stagioni, grazie all’arrivo di individui nordici. Molti uccelli, e in particolare le anatre, fuggono dalle rigide temperature dei loro luoghi di riproduzione. Essi trov

Manomissioni nel Parco del Monviso

Pochi giorni fa è stato notificato il decreto di sequestro disposto dalla Procura di Cuneo su alcuni attrezzi presumibilmente utilizzati per danneggiare le tabelle di confine del Parco situate in alta Valle Varaita.
Il procedimento fa seguito ad un fermo operato dai Guardiaparco impegnati nella vigilanza territoriale, che hanno sorpr

Sul Pellice meno uova di trota marmorata

Sabato 5 gennaio si è tenuta l’annuale passeggiata lungo le sponde del torrente Pellice alla ricerca dei luoghi dove le trote depongono le uova, organizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con il Servizio di Tutela della fauna e della flora della Città Metropolitana di Torino.
L’attività didattico-sci

Reclutamento personale

L’Ente Parco, a seguito di apposita procedura d’appalto, ha incaricato l’Agenzia 'Gi Group' - Sede di Saluzzo (CN), v. Circonvallazione 16/A per il reclutamento del seguente Personale:

Area tecnica - n. 1 istruttore tecnico

Il candidato deve essere in possesso di un titolo di studio di maturit&agrav

Le escursioni del Parco di gennaio

Il Parco del Monviso con l’associazione Vesulus propone due escursione di tre giorni in valle Varaita, con pernottamento al rifugio Meira Paula di Sampeyre.
L’escursione sarà un 'percorso rituale' fra mito, natura e teatro alla ricerca del lupo che c’è fuori e dentro di noi. A condurre le attività una g

Musei del Parco - orario invernale

I musei del Parco seguono le stagioni della natura .
Chiusi dopo la stagione estiva il Centro Visite Alevè, il Centro Visite di Pian del Re e il Museo del Piropo di Martiniana Po.

Il Museo dei Fiume Po di Revello è aperto invece tutto l'anno. Ogni domenica, dalle 14,30 alle 18,30 è possibile scoprire i di

Dal 1 novembre chiude la grotta di Rio Martino

Come ogni anno, da giovedì 1 novembre saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino, cavità naturale poco al di sopra dell’abitato di Crissolo, in valle Po. L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato sino al 31 marzo, con possibilità di proroga della chiusura in base alle condizioni

Le proposte di educazione ambientale 2018-19

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento