Monviso: la montagna simbolo si racconta - Guide neolitiche su percorsi di antiche globalizzazioni

Proponiamo un articolo di Sergio Beccio, pubblicato su Nóvas d'Occitània, le news del portale Chambra d'OC, in italiano e occitano

[Italiano]
Il Monviso è una montagna simbolo, un riferimento senza tempo, visibile da ogni luogo del territorio piemontese, e non solo; probabilmente creduto una divinità per questo suo innalzarsi verso il cielo, punto di contatto tra la terra e l’infinito, metafora dell’ignoto, divinità visibile a cui chiedere protezione, totem per i presagi e le domande esistenziali che l’Umanità di ogni tempo si è posta sul vivere, sul conoscere e sul fine ultimo della vita. Il volume dell’Istituto Superiore di Cultura Alpina di Ostana 'Pastori di Montagne Storia delle Guide Alpine del Monviso' racconta la storia degli uomini che, nel tempo, a partire dalla preistoria fino ai giorni nostri, hanno accompagnato le genti attraverso i difficili territori alpini. Un volume bilingue (italiano e inglese) strumento di lavoro e di ricerca per turisti, operatori e ricercatori riguardante i territori delle valli del Monviso.

Il Monviso come suggeriscono Roberto Mantovani in 'Monviso: icona della montagna piemontese' ed Enrico Camanni nel suo ultimo volume 'La storia delle Alpi' è un sistema montuoso che oggi apprezziamo grazie ai fenomeni erosivi di sottrazione di materiale roccioso dalla piramide geologicamente nata e risalita dalle profondità marine dallo scontro delle placche continentali euroasiatica e africana. Un fenomeno che, iniziato 160 milioni di anni fa, è in continuo, impercettibile mutamento, e che ha delineato l’attuale inconfondibile skiline. Il fondo roccioso di quell’antico mare si trasformó nelle rocce metamorfiche che oggi costituiscono la vetta del Monviso composte da calcescisti e pietre verdi (ofioliti) denominazione data dal geologo Bartolomeo Gastaldi compagno di studi di Quintino Sella durante i rilevamenti geologici degli anni 1874-1875.

Contrariamente a quanto si è sempre creduto, gli ultimi studi su questi territori stanno tratteggiando una storia ben più complessa e articolata di quanto creduto fino ad ora: le Alpi già nel quinto e quarto millennio prima di Cristo erano percorse da popolazioni che hanno lavorato su questi territori alpini in era Neolitica. Proprio in questo periodo di grande trasformazione della società (da una economia della caccia e della raccolta di prodotti spontanei ad un’economia agricola di coltivazione ed allevamento stanziale) nascono attrezzi ed utensili che permettono trasformazioni sensibili dell’ambiente con la conquista di terreni utili alle coltivazioni, agli insediamenti stanziali e al pascolo con l’abbattimento dei boschi planiziali del territorio.

'La Preistoria della valle Po, fino a pochi anni fa era documentata da reperti dall’Età del Ferro, scoperti a Crissolo e incisioni rupestri dell’Età del Bronzo visibili sulle alture di Paesana. Dal 2003 Oncino puó esibire sul suo territorio reperti ancora più antichi, riguardanti cave di materiale litico utilizzate dal 5200 a.C. al 4000 a.C. con cui sono state realizzate asce e amuleti scoperti in molti siti archeologici europei, fino a oltre 3000 km di distanza. Attorno alle cave poste dai 1500 ai 2600 m di altitudine esistono gli scarti che gli uomini dell’epoca lasciarono sul terreno per sbozzare manufatti di giadeidite ed eclogite. Al momento queste cave preistoriche di Oncino costituiscono a tutti gli effetti un sito archeologico che non ha equivalenti in tutto l’arco alpino: una emergenza storica e scientifica unica ed irripetibile capace, se ben valorizzata, di cambiare il destino culturale-turistico di un territorio che a volte dimenticato è denso di significativi gioielli storici, culturali, naturalistici'*(1).

Altro sito di importanza fondamentale per i ritrovamenti attestanti la antica presenza umana sul territorio alpino è quello di Balm’ Chanto (Stanziamento stagionale di pastori cacciatori nei pressi di Roure in val Chisone) scoperto nel 1979 da Franco Bronzat, ricercatore del Centro Studi e Museo d’Arte Preistorica (CeSMAP). La località fu successivamente studiata, con una serie di sondaggi dal CeSMAP in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica del Piemonte e con la supervisione di Dario Seglie, Piero Ricchiardi e Renato Nisbet.*(2)

Stupisce la quota a cui si ritrovano i reperti di Oncino e dell’Alta Valle Po, ma non sorprende la qualità dei manufatti se si pensa alle opere ritrovate nella grotta di Chauvet*(3) nell’altopiano dell’Ardèche datate 37.000 anni fa: opere di moderna, ineguagliabile bellezza ed immediatezza realizzate da antichi artisti capaci di rendere in modo modernissimo (senza fermi fotografici) animali e momenti di vita fondamentali per la loro sopravvivenza ma anche documenti densi di capacità artistiche assolute e impensate.

Fu il mineralogista francese Alexis Damour che nel 1885 ipotizzó che il luogo d’origine delle asce levigate in giada fosse proprio il Monviso; questa affermazione verrà confermata da Secondo Franchi nel 1901, mentre a Dino Delcaro vengono attribuiti, nel 1996, i primi ritrovamenti di blocchi di giadeidite nell’ambito del fiume Po. Fondamentale è la scoperta di due geologi dell’Università di Torino, Franco Rolfo e Roberto Compagnoni, che nel 2003 localizzano sulla Punta Rasciassa (comune di Oncino), a circa 2400 m di quota, il primo giacimento primario (cioè in sede non fluviale) di giadeidite delle Alpi*(4).

Gli studi di ricercatori del CNRS francese (Progetto JADE del 2006, a cura dell’Agence Nationale de la Recherche e del la Maison des Sciences de l’Homme et de l’Environnement - Université de Franche-Comté e della Soprintendenza Archeologica del Piemonte*(5)) sul gruppo montuoso del Monviso guidati dall’archeologo Pierre Pétrequin individuano i territori compresi nell’alta valle Po, tra la vetta della Rasciassa fino al Pian del Re (comune di Crissolo), dove esistono giacimenti di pietra verde (giadeidite, omfacite, eclogite) che, in era neolitica, veniva lavorata attraverso un’estrazione caratterizzata dal surriscaldamento della roccia e successivo repentino raffreddamento con neve o acqua determinando, attraverso un forte shock termico, le rotture che permettevano la disgregazione del nucleo roccioso in pezzature di dimensioni ridotte, rendendole trasportabili e lavorabili per costruire punte di frecce, monili, e utensili quali raschiatoi, coltelli e asce di diversa dimensione fino alle asce rituali di notevole grandezza.

I materiali lavorati, caratterizzati da elevatissima durezza e consistenza, hanno permesso la costruzione di asce affilate e levigate di non comune bellezza attraverso lunghe lavorazioni, prima di sbozzatura e successivamente di accurata levigatura.

La straordinarietà delle scoperte dei ricercatori sta nel fatto che sono stati individuati molti luoghi nell’area del Monviso con il rinvenimento di attrezzi utili alla sbozzatura delle asce che intraprendevano successivamente un lungo e per noi misterioso viaggio, probabilmente della durata di anni, per raggiungere, secondo quando sostengono gli studiosi, l’intera Europa, sconosciuta come continente ma incredibilmente collegata da infinite vie che hanno condotto questi manufatti per migliaia di chilometri dalla Spagna al Portogallo, dall’Inghilterra alla Polonia, dall’Ungheria alla Grecia.

Queste asce rituali dovevano avere un valore inestimabile per l’epoca, erano simboli di potere che si appropriavano di questo valore per la bellezza e la lavorazione assolutamente unica per il tempo e forse si rinnovava con questi oggetti un richiamo di carattere religioso proveniente dalla nostra montagna che agli occhi di quelle popolazioni neolitiche rappresentava un forte riferimento visivo e forse l’incarnazione di una divinità sempre presente, da cui decifrare presagi utili, allora, per sopravvivere a tempi sicuramente non facili.

Ma attraverso quali vie le asce del Monviso sono arrivate in Europa? Probabilmente attraverso i passi che ancora oggi conosciamo: sicuramente esistevano delle sconosciute Guide Alpine, non per scalare le vette ma per incontrare altri uomini, altre genti; uomini capaci di condurre carovane o gruppi di persone attraverso passaggi ardui per superare le Alpi che peró non costituivano, già allora, una barriera invalicabile ma erano luogo di comunicazione per rapporti umani, commerci e attività che hanno favorito il Progresso in un’Europa ancora non nata.

*(1) Testo di Gianni Allisio.

*(2) Tratto da 'La Pietra Verde del Monviso' Centro Studi e Museo di Arte Preistorica (CeSMAP) Museo Civico di Archeologia e Antropologia di Pinerolo.

*(3) Tratto dall’articolo di Daniela Fuganti - quotidiano La Stampa - con immagini annesse provenienti dagli archivi di Drac Rhne-Alpes Ministère de la Culture et de la Communication. Ritrovamento effettuato da Jean Marie Chauvet, Eliette Brunel e Christian Hillaire nel dicembre 1994.

*(4) Tratto da un testo di Stefano Pollastri.

*(5) JADE, Grandes haches alpines du Néolithique européen Ve et IVe millénaires av. J-C. sous la direction de Pierre Pétrequin, Serge Cassen, Michel Errera, Lutz Klassen, Alison Sheridan et Anne-Marie Pétrequin.


[Occitano]
Lo Vsol es una montanha smbol, un ponch de referena sensa temp visible da tuchi lhi cants dal territóri piemontés e ren masque: cregua benlèu una divinitat per aquel siu se dreiar vèrs lo cèl, ponch de contact entre la tèrra e l’infinit, metàfora dal desconoissut, divinitat visibla a la quala demandar proteccion, totem per lhi presagis e las demandas existencialas que l’Umanitat de tuchi lhi temps s’es pausaa sal viure, sal conisser e sus la mira ltima de la vita. Lo volum de l’Institut Superior de Cultura Alpina d’Ostana 'Pastori di Montagne Storia delle Guide Alpine del Monviso' cóntia l’estória de lhi ómes que dins lo temp, da la preistória fins a nóstri jorns a acompanhat las gents a travèrs lhi abrupts territóris alpins. Un volum bilnge (italian e anglés) coma instrument de trabalh e de recèrcha per lhi toristas, lhi operators culturarls e lhi recerchaires regardant lhi territóris des valadas dal Vsol.

Lo Vsol, coma suggerisson Roberto Mantovani dins 'Monviso: icona della montagna piemontese' e Enrico Camanni dins son darrier volum 'La storia delle Alpi', es un sistèma montus qu’encuei apreciem gràcias ai fenomens erosius de sotraccion de material rochs da la piràmida geologicament naissua e remontaa da las profonditats marinas da la collision des placas continentalas euroasiàtica e africana.Un fenomen que, comenat fai 160 d’ans, es en contun, imperceptibe, mudament e que n’a dessenhat l’actual, inconfondible, profil. Lo fons rochassut d’aquela antica mar s’es transformaa dins las róchas metamórficas qu’encuei constitusson la cima dal Vsol, compausaas da calcescistes e peiras vèrdas (ofiolitas), denominacion donaa dal geólog Bartolomeo Gastaldi, companh d’estudis de Quintino Sella durant lhi relevaments geológics de lhi ans 1874-1875.

Al contrari de ó que s’es sempre cregut, lhi darriers estudis sus aqueste territóri son en tren descriure un’estória ben pus complèxa e articulaa de ó que cregut fins ara: las Alps ental quint e quart millenni avant Crist eron percorruas da de populacions que an trabalhat sus aquesti territóris alpins dins l’Era Neoltica. Própi dins aquel perod de granda transformacion de la societat ( da un’economia de la chaa e de la culha e fruchs espontàneus a un’economia de cultivacion e d’enlevatge estancial) naisson d’aise e d’ots que permeton de transformacions sensiblas de l’ambient abo la conquista de terrens tils a las cultivacions, a lhi abitats sedentaris e a la pastura abo l’abatement di bóscs dins la plana.

La Preistória de la val Pó fins a gaire d’ans fa era documentaa da de repèrts de l’Atge dal Fèrre, descubèrts a Criól, e da d’incisions rupèstras de l’Atge dal Brons visiblas sus las autors de Pasana. Dal 2003 Oncin pól exibir sus son territóri de repèrts encara pu antics regardants de carrieras de material ltic adobraas dal 5200 a.C. al 4000 a.C. abo las qualas son istaas realizaa d’àpias e d’amulets descubèrts en ben de sites arqueológics europèus fins a passa 3000 km de distana.A l’entorn des carrieras, situaas dai 1500 ai 2600 m d’autessa, existon d’escarts que lhi ómes de l’època an laissat per sól per desgrossir de manuachs de giadeta e d’eclogita. Al moment aquestas carrieras preistóricas d’Oncin constitusson a tuchi lhi efècts un site arqueológic que a pas d’equivalents en tot l’arc alpin: un’emergena estórica e scientfica nica e irrepetibla capabla, se ben valorizaa, de chambiar lo destin cultural e torstic d’un territóri que, de bóts desmentiat, es plen de significatius joièls istórics, culturals e naturalstics'*(1).

Un autre site d’importana fondamentala per lhi retrobaments que testimónion l’antica presena umana sal territóri alpin es aquel de Balm’ Chanto, (demora sasonala de pastres da pè de Rore, en val Cluson), descubèrt ental 1979 da Franco Bronzat, recerchaire dal Centro Studi e Museo d’Arte Preistorica (CeSMAP). Lo luec es estat puei estudiat abo una seria de sondatge dal CeSMAP en collaboracion abo la Soprintendenza Archeologica del Piemonte e abo la supervision de Dario Seglie, Piero Ricchiardi e Renato Nisbet.*(2)

Estups l’altituda a la quala se tróbon lhi repèrts d’Oncin e de l’auta val Pó, mas sorpren pas la qualitat di manufachs se un pensa a las óbras retrobaas dins la balma de Chauvet*(3) dins lo planól de l’Ardècha dataas fai 37.000 ans: d’óbras de modèrna, inegalabla beltat e immediatessa realizaas da d’ancians artistas capables de rénder d’un biais ben modèrn (sensa d’images fotogràficas) de bèstias e de moments de vita fondamentals per lor sobrevivena, mas decó de documents plens de capacitats artsticas absolutas e impensaas.

Es estat lo mineralogista francés Alexis Damour qu’ental 1885 a ipotizat lo luec d’origina des àpias lisas en giada foguesse própi lo Vsol; aqueta afermacion venerè confermaa da Secondo Falchi ental 1901, dal temp que a Dino Delcaro ven atributs ental 1996 lhi premiers retrobaments de de blocs de giadeta dins la zóna dal Pó. Fondamentala es la descubèrta de dui geólogs de l’Universitat de Turin, Franco Rolfo e Roberto Compagnoni, qu’ental 2003 localizon sus la Poncha Raschassa (Comna de Oncin), a a pauc près 2400 m d’autessa, lo premier jaciment primari (o ben din un luec ren fluvial) de giadeta dins las Alps*(4).

Lhi estudis di recerchaires dal CNRS francés ( Projèct JADE dal 2006 a cura de l’Agence Nationale de Recherche e de la Maison des Sciences de l’Homme et de l’Environnement - Université de Franche-Comté e de la Soprintendenza Archeologica del Piemonte*(5)) sal grop montus dal Vsol guidats da l’arqueólog Pierre Pétrequin localizon lhi territóris comprés dins l’auta val Pó, entre la cima de la Raschassa fins al Plan del Re (Comuna de Criól), ente existon de jaciments de peira vèrda (giadeta, omfacita, eclogita). Aquela peira dins l’Era Neoltica venia trabalhaa a travèrs un’extraccion caracterizaa da l’eschaudament de la rócha e dal successiu, subit, refreidament abo de neu o d’aiga en determinant, a travèrs un fórt shok tèrmic, las roturas que permetion la desgregacion dal ncleu rochs en tócs de pichótas dimensions, en lhi rendent transportables e trabalhables per construr de ponchas de flèchas, de monils e d’aisinas coma de rasclas, de cotèls e d’àpias de divèrsas dimensions fins a las àpias ritualas, de notabla grandessa.

Lhi materials trabalhats, caracterizats da un granda duressa e consistena, an permés la construccion d’àpias amolaas e lisaas d’una belessa ren comuna a travèrs de lónjas lavoracions, derant de desgrossiment e puei de soanhs lisatge.

L’extraordinarietat des descubèrtas di recerchaires demora ental fach que son istats identificats un baron de luecs dins la zóna dal Vsol abo lo retrobament d’aisinas tilas a desgrossir las àpias, que puei entreprenion un lóng e per nosautri misteris viatge, lóng d’ans probablament, per rejnher, second ó que sostenon lhi estudis, l’entiera Európa, desconoissua coma continent, mas incrediblament liaa da de chamins infinits que an menat aquilhi manufachs per de miliers de quilomètres da l’Espanha al Portugal, da l’Anglatèrra a la Polónia, da l’Ongueria a la Grècia.

Aquestas àpias ritualas devion aver una valor inestimabla per aquel temp, eron de smbols de poder que s’apropriavon d’aquela valor per la belessa e la lavoracion absolutament nica per l’època e benlèu abo aquilhi objècts se renovava un apèl de caràcter religis provenent da nóstra que a lhi uelhs d’aquelas populacions neolticas representava una fórta referena visiva e benlèu l’incarnacion d’una divinitat totjorn presenta da la quala decifrar de presagis tils per sobreviure a de temps seguraments pas fàcils.

Mas a travèrs quals chamins las àpias dal Vsol son arribaas en Erópa? Benlèu a travèrs lhi pas qu’encara encuei conoissem: segurament existion de guida alpinas desconoissuas, ren per escalar la cimas, mas per encontrar d’autri ómes, d’autras gents; d’ómes capables de menar de carovanas o de grops de personas a travèrs de passatges abrupts per sobrar las Alps, mas que já alora constituon pas una barriera insobrabla e eron un luecde comunicacon per lhi rapórts umans, lhi comèrcis e las activitats que an favorit lo progrès dins un’Európa pas encara naissua.

*(1) Tèxte de Gianni Allisio.

*(2) Tirat da 'La Pietra Verde del Monviso' Centro Studi e Museo di Arte Preistorica (CeSMAP) Museo Civico di Archeologia e Antropologia de Pineról.

*(3) Tirat da l’article de Daniela Fuganti - quotidian La Stampa abo d’images annèxasprovenentas da lhi archius de Drac Rhne-Alpes Ministère de la Culture et de la Communication. Retrobament efectuat da Jean Marie Chauvet, Eliette Brunel e Christian Hillaire ental desembre dal 1994.

*(4) Tirat da un tèxte de Stefano Pollastri.

*(5) JADE, Grandes haches alpines du Néolithique européen Ve et IVe millénaires av. J-C. sous la direction de Pierre Pétrequin, Serge Cassen, Michel Errera, Lutz Klassen, Alison Sheridan et Anne-Marie Pétrequin.

http://bit.ly/Monvisoneolitico

Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Iniziate il 19 agosto al Bric Lombatera (Paesana) le osservazioni del passaggio dei rapaci migratori

Anche nel 2018 il Parco del Monviso organizza a Bric Lombatera, panoramica cima a pochi passi da Pian Muné nel comune di Paesana, un sito per l’osservazione e il monitoraggio dei rapaci che migrano verso l’Africa, che sarà attivo tra il 19 agosto e il 6 settembre.
L’attività, che è gestita dai gu

Una gradita testimonianza

Tra i tanti commenti e post pubblicati dopo il Concerto sulla pagina Facebook del Parco del Monviso riportiamo questo particolarmente significativo per tutti gli enti organizzatori dell'evento.
'Buongiorno, volevo ringraziarvi ancora una volta per la generosa ospitalità e accoglienza ricevuta, abbiamo potuto vivere Grazie a voi un Fer

Musei del Parco - orario estivo

Da giugno riprende l'orario estivo dei musei del Parco con l'apertura di tutti i centri visita
Il Museo del Piropo di Martiniana Po e il Museo del Po di Revello mantengono l'apertura tutte le domeniche con il consueto orario (14,30-16,30)
Dal 17 giugno riapre il Centro Visite Alevè di Casteldelfino che sarà visitabile t

Appassionati del cielo del Monviso

Ha raccolto un'ottima presenza di astrofili e un'affluenza di pubblico oltre le previsioni la prima serata organizzata dal Parco del Monviso e dedicata al cielo del 'Re di Pietra'.
Erano presenti una decina di appassionati, in rappresentanza di varie associazioni astrofile delle province di Cuneo e di Torino, con i loro telescopi e le loro a

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Mombraccoinfoto: contest su instagram per la montagna di Leonardo

Del Mombracco, massiccio compreso nei comuni di Barge, Envie, Sanfront, Paesana, Rifreddo e Revello, e in particolare della quarzite delle sue cave, Leonardo scrisse nel 1511 e da allora è noto come la montagna di Leonardo; nel 2018 gli appassionati di fotografia sono chiamati a raccontarlo attraverso i loro scatti con la speranza che tra un

Avviso dl mobilità volontaria riservato al personale di ruolo di Enti parco regionali Piemontesi

È avviato il procedimento per la mobilità volontaria verso l’Ente di gestione delle Aree protette del Monviso, al fine di dare copertura a n. 1 posto di Funzionario (categoria giuridica D1) dell'Area Tecnica Servizio Promozione, tramite selezione riservata esclusivamente al personale di ruolo di Enti Parco della Regione Piemon

Il progetto InNat alla scoperta del Cervo volante e dei coleotteri saproxilici

Quando incontro una specie minacciata o a rischio d’estinzione ma che un tempo era molto comune, mi tornano alla memoria quelle gloriose squadre di calcio, oggi relegate alle serie minori o del tutto scomparse ma che all’inizio ‘900 dominavano il campionato italiano. Società sportive di cui quasi nessuno ormai si interessa

Le escursioni del mese di agosto

Il Parco del Monviso, con l’associazione Vesulus, propone quattro escursioni durante il mese di agosto. Tra le proposte si segnala il Giro del Monviso a fine mese, della durata di tre giorni. Completano il calendario mensile un’escursione in valle Varaita tra pascoli e buona cucina, un tour serale con visita alla borgata museo di Balma

Avviato il bando per la locazione di Cascina Pascolo inferiore a Staffarda

L’Ente di Gestione delle Aree Protette del Monviso ha avviato un bando per la locazione di valorizzazione del complesso immobiliare della 'Cascina Pascolo inferiore', che fa parte del 'Tenimento di Staffarda' di Revello, gestito dall’ente stesso.
L’iniziativa è finalizzata a promuovere un’attività fonda

Giro del Monviso - le proposte del Parco

Il Giro del Monviso è uno storico trekking di più giorni che si snoda ad anello intorno al Re di Pietra, tutto all'interno di aree protette: il Parco del Monviso in Italia e la Riserva di Ristolas-Mont Viso in Francia.
Negli anni sono nate numerose varianti. Per l'estate 2018 il Parco del Monviso e e l'associazione Vesulus prop

Route sul Monviso: un vademecum per i gruppi scout e non solo

Ogni estate numerosi gruppi scout decidono di compiere escursioni nello stupendo ambiente naturale del Parco del Monviso, sui sentieri intorno al «Re di Pietra» delle Alpi Cozie.
il frequente numero di passaggi di comitive non adeguatamente informate sull’alpinismo in quota, sui problemi e sui pericoli che si incontrano a p

Suoni dal Monviso 2018

'Coniugare cultura, arte e montagna in una proposta musicale di alto livello, articolata su più appuntamenti a quote diverse, capace di valorizzare il territorio alpino e le sue genti in un modo inedito e stimolante'. Questa era e resta la cifra tematica della rassegna Suoni dal Monviso, una stagione che si presenta in questo 2018 con un car

Nuove regole per Pian del Re

Con la riapertura della strada per Pian del Re, il Comune di Crissolo ha stabilito nuove regole per l'accesso al pianoro che ospita le sorgenti del Po. Obiettivo è quello di salvaguardare lo stato della torbiera e garantire un turismo più sostenibile in una delle aree più frequentati della Valle Po.

Auto
S

Aiutaci ad aiutarti in montagna

È stata presentata in Consiglio Regionale l’iniziativa promossa dai presidenti delle Aree protette del Monviso e delle Alpi Marittime insieme al Soccorso Alpino e Speleologico piemontese per aumentare l’efficacia e la tempestività negli interventi di caso di necessità. Presenti all'evento il Presidente della Regione

MonvisoPiemonte - Giro del Monviso

Il Giro del Monviso è un trekking di più giorni in alta montagna, a quote superiori ai 2000 metri, percorribile da escursionisti abituati a camminare per ore (circa 5/6 giornaliere) superando dislivelli importanti (500/1000 m). Il giro percorre, tre valli, Po, Varaita e Guil in territorio francese, all'interno di aree protette: il Par

MonvisoPiemonte - le escursioni nel Parco

I trekking all'interno del Parco del Monviso sono una delle esperienze più emozionanti che si possono fare durante tutto l'anno. Infatti nel territorio delle valli del Monviso si possono praticare, dall'inverno all'estate, molte attività escursionistiche outdoor utili, oltre che al proprio benessere psico-fisico, a far conoscere la mo

Parchi da Gustare - Il menù del Parco

Quattro ristoranti della Valle Po e Valle Varaita porteranno in tavola, fino a settembre, con la rassegna Parchi da Gustare - Il menù del Parco, i piatti realizzati con i prodotti tipici del territorio e dell’area protetta: formaggi (Tuma d’Visu, Tuma di Martiniana, il nostrale di montagna), gallina bianca, asparago dolce di Reve

Trofei MaB 2018

La Riserva della biosfera transfrontaliera del Monviso organizza la seconda edizione dei Trofei MaB, un concorso per premiare le iniziative locali di eco-cittadinanza innovative e che possano diventare degli esempi di buone pratiche. Due vincitori riceveranno ognuno 1000 per realizzare il loro progetto.

La Riserva della biosfera tr

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento