La Pietra Verde del Monviso - di Diego Priolo

Ospitiamo sul sito un contributo di Diego Priolo dedicato alla Pietra Verde del Monviso e pubblicato sul 'Bollettino della Società Storica Pinerolese - Quarta serie - Anno XXXIV Pinerolo 2017'

La 'Pietra Verde' del Monviso è in questi ultimi anni uno degli inviti più stimolanti alla riscoperta della storia di questo suggestivo monte, soprattutto in relazione alle sue peculiarità litiche che - a partire dal periodo neolitico, VI millennio a.C., con successive conferme in epoche storiche più recenti - hanno ricevuto attenzioni e riconoscimenti di grande importanza in termini di utilizzo e di funzionalità anche in luoghi molto, molto lontani dal loro palcoscenico di partenza.
Una pagina, questa, che - sebbene già ampiamente segnalata da studiosi attraverso precise e mirate ricerche in merito, diffuse poi da pubblicazioni, relazioni in convegni e mostre - potrebbe ancora comunicare qualche significativa 'nuova' informazione sul passato preistorico coinvolto. Dalla documentazione acquisita, le aree più toccate in questa vicenda furono e sono quelle della Val Po, della Val Pellice, della Val Varaita ed in particolar modo della Val Lenta (territorio di Oncino), che si apre sulla destra orografica della Val Po, alcuni chilometri prima di arrivare a Crissolo. Parlando proprio con persone delle frazioni 'oncinesi', ubicate più in quota ed orientate verso l’Alpetto, come le Meire Dacant, non stupisce il mantenimento di attenzione nei confronti di questo soggetto litico con forme di rispetto nel caso di prosecuzione di un suo utilizzo.
Una consapevolezza concretizzatasi negli amministratori comunali, vedasi Piero Abburà, sindaco in anni di riscoperta, nei ricercatori ed autori di testi sulla preistoria di questa suggestiva valle - come prospetta un lavoro di Giovanni Allisio - e in non pochi collaboratori, uomini e donne, consapevoli di questa peculiarità territoriale. Un contributo divulgativo non indifferente sulla Pietra Verde del Monviso fu offerto in ambito pinerolese dal Cesmap (Centro Studi e Museo d’Arte Preistorica) attraverso una mostra specifica che si tenne a Pinerolo nel 2013 nell’ex chiesa di Sant’Agostino e che fu incentrata in buona parte sulle ricerche dello studioso francese Pierre Pétrequin, che censì e scoprì numerosi siti della 'pietra verde' in altura.
Proprio in questa prospettiva divulgativa, due studiosi dell’associazione, Dario Seglie e Daniele Ormezzano, ampliarono la comunicazione in merito, nell’intervista fatta a loro da Maurizio Menicucci, giornalista della RAI, per la trasmissione televisiva Leonardo ed effettuata proprio in Val Lenta.
Come si è anticipato, un apporto molto rilevante in termini di indagine/ricerca e di considerazione su questo soggetto fu ed è - dal momento che esso continua - il lavoro dell’archeologo-etnologo francese Pierre Pétrequin dell’Università di Besanon e del Centro Nazionale della Ricerca Scientifica, con non poche consistenti ricerche specifiche condotte nel territorio del Viso. Proprio in queste attività e nel loro riporto documentario sotto forma di pubblicazioni, un grosso contributo collaborativo fu e continua ad essere quello offerto dall’impegno del pinerolese Mauro Cinquetti, attento ricercatore di testimonianze preistoriche e minerarie. In modo specifico in relazione alla 'pietra verde ', egli ha evidenziato concretamente, lavorando soggetti di questa materia litica, come essa poté essere trattata ed utilizzata e questo soprattutto in relazione alle sue caratteristiche di forte consistenza e di durezza.
Peculiarità quest’ultime che si concretizzarono nella creazione di forti e 'taglienti' asce e di oggetti litici 'particolarmente' curati, che vennero impiegati in ambito religioso o di culto in senso lato o in altri utilizzi, presupponenti un adeguamento della pietra non indifferente. Proprio queste specificità di utilizzo come si segnalerà in seguito sono comprovate da significative testimonianze in merito, presenti in luoghi anche molto lontani da questa area alpina di partenza.
Ma che cosa caratterizzava effettivamente questo soggetto litico così rilevante?
Se una colorazione verde, con non poche varianti cromatiche puó essere una dellecaratteristiche di fondo più visibili, importante era ed è la 'giadeitite', la roccia contenente la 'giadeite', mentre segnala Cinquetti le omfacititi e le eclogiti, molto più abbondanti in natura, furono quelle più utilizzate come strumenti di lavoro. A questo proposito, dall’analisi di asce conservate nei musei, sembra che verso il nord Europa salissero le asce di colore verde chiaro mentre, verso il sud e l’est, quelle di colore più scuro. La presenza consistente di questo soggetto litico in zona Monviso dovette quindi avere un peso 'incredibile' nel patrimonio conoscitivo del tempo. Lo sostengono non solo presenze di forestieri venuti in zona a procurarsene - e questo partendo da epoche ben lontane - ma, come già segnalato, anche il comprovato arrivo della pietra in zone per certi versi inimmaginabili in quei millenni preistorici.
A questo proposito, sono state trovate nei tumuli francesi grandi quantità di asce cerimoniali di grandi dimensioni, superiori anche ai 30 centimetri. L’ascia più lunga finora trovata è in Germania e misura 44 centimetri.
Una significativa testimonianza in merito a questa antica diffusione - già segnalata dallo scrivente sulla pagina culturale del settimanale 'l’Eco del Chisone' del 23 agosto 2017 - è quella che si trova nella sezione archeologica del Museo Nazionale d’Irlanda a Dublino. Qui, tra i soggetti litici esposti, si trovano delle asce che l’analisi del progetto JADE (originatosi a seguito di queste scoperte e sostenuto dall’ Agenzia Nazionale delle Ricerche Scientifiche di Francia tra il 2006 e il 2010 ) ha confermato riporta un cartellone a lato di provenienza dalle Alpi settentrionali italiane. Sempre l’apparato informativo comunica inoltre che il fatto che nessuna di loro evidenzi dei segni di uso - dato che il lavoro richiesto per produrre tali eleganti 'lame' fu di 'specializzazione' - fa supporre che le asce di giadeitite ebbero almeno in relazione a questa 'terra'- una significativa funzione cerimoniale o simbolica. Proprio questa finalità di utilizzo in ambito cerimoniale potrebbe essere comprovata anche dal fatto che queste lame sono caratterizzate a volte da una 'lucidatura' a specchio. A sottolineare la certa provenienza di questi oggetti litici dal Monviso, provvede in questo museo una foto di Pétrequin relativa a questo monte e qui esposta ma con un riporto dell’oronimo con una lettera in più. Dalle ricerche degli studiosi, e da quanto segnalato in non pochi siti, questa pietra del Monviso avrebbe raggiunto oltre l’Irlanda, la Gran Bretagna e la Danimarca anche i paesi scandinavi, la Bulgaria, la Grecia, la Spagna. Un raggiungimento quasi inimmaginabile ai nostri occhi considerando l’epoca degli eventi, ma la cui certezza induce ancora una volta a riconsiderare la preistoria non solo come antecedente la grande storia, ma come una serie di lunghe, lunghe pagine di vissuto collettivo a volte non ancora del tutto lette o rilette in modo adeguato.
Sempre in termini di documentazione informativa, meritevole di altrettanta attenzione è pure la proposta fatta nel 1999 da R. Compagnoni, G. Peyronel a Franco Salusso e Franco Manavella di localizzare i giacimenti primari di giadeite nelle Pietre Verdi della Val Po e della Val Varaita.
Circa due anni dopo la ricezione dell’avviso, i due ricercatori ne individuarono un giacimento primario sulla pendice N. di Punta Rasciassa, nel territorio di Oncino. La consapevolezza del 'valore' di questi soggetti litici non si è certamente spenta e prosegue nelle loro attente ricerche ed analisi delle nuove testimonianze litiche trovate. Quest’acquisizione informativa è tenuta in considerazione anche da Pétrequin e dai suoi collaboratori. Due lavori pubblicati recentemente - contemplanti anche la giadeite, le sue peculiarità 'minerarie' e la sua distribuzione sull’arco alpino con riporti di quanto trovato dai due ricercatori sono Minerali delle Alpi Marittime e Cozie provincia di Cuneo- a cura di Gian Carlo Piccoli pubblicato nel 2002 e il volume miscellaneo Minerali del Piemonte e della valle d’Aosta (Gian Carlo Piccoli editore, 2007). In relazione al territorio del Monte Viso, meritevoli di segnalazione sono altresì gli affioramenti indicati da Manavella e Salusso ed oggetto di grande attenzione da parte di R. Compagnoni, come evidenzia una pubblicazione sulla giadeite e sulle meta-ofioliti del Monviso, redatta dal docente e dai collaboratori F. Rolfo, F. Manavella e F. Salusso. Ampliando il territorio 'indagato ed indagabile', la complessità dell’argomento, con spiegazioni delle varie peculiarità di questi soggetti litici, puó essere colta attraverso un’attenta lettura del seguente testo:
'JADE Objets-signes et interprétations sociales des jades alpins dans l’Europe néolithique.' Lea Cahiers de la MSHE Ledoux. Université de Franche-Comté.
La ricerca, in ogni caso, non si è esaurita e - come segnala Cinquetti continuerà con confronti ed analisi di campioni litici con reperti archeologici ospitati ed esposti in musei italiani, come nel caso delle ofioliti, pietre uguali o molto simili a quelle del Monviso ma meno belle e con troppe fratture - non utilizzabili pertanto per la costruzione di strumenti o asce cerimoniali - presenti sul monte Beigua, oltre che sullo spartiacque appenninico ligure-padano.


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Il Rifugio Giacoletti ha un nuovo impianti di depurazione delle acque

Durante la stagione estiva 2018 il CAI di Barge ha svolto un lavoro di riqualificazione degli impianti di depurazione esistenti presso il rifugio 'Vitale Giacoletti', nel comune di Crissolo a quota 2.741 metri al colle del Losas, di fronte alla parete Nord del Monviso: una struttura che vede il passaggio estivo di migliaia di escursionisti grazie a

Si svolge il primo Meeting nazionale delle Riserve della Biosfera UNESCO

Da giovedì 8 a sabato 10 novembre si svolge a Ottaviano in provincia di Napoli, il primo Meeting nazionale delle Riserve della Biosfera UNESCO. L’evento vuole essere un momento di confronto sulle attività svolte nelle varie riserve UNESCO e di analisi dei risultati raggiunti, con l’intento di incoraggiare le attività

Chiusi la strada per Pian del Re e il Colle dell'Agnello

Come previsto, anche per quest'anno con l'arrivo della prima neve, la Provincia di Cuneo ha disposto la chiusura della strada per Pian del Re.
A metà ottobre è invece stato chiuso il colle dell'Agnello che consente il passaggio dalla Val Varaita al Queyras.
Le strade resteranno chiuse per tutto il periodo invernale, fino

Domenica 28 ottobre ultima apertura del Museo del Piropo prima della chiusura stagionale

Domenica 28 ottobre sarà l’ultimo giorno di apertura di questa stagione per il Museo del Piropo di Martiniana Po.
L’esposizione è dedicata al rarissimo cristallo parente dei granati, noto in pochissimi siti al mondo e presente in grande quantità nei dintorni montuosi di Martiniana Po.
Il museo è

Dal 1 novembre chiude la grotta di Rio Martino

Come ogni anno, da giovedì 1 novembre saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino, cavità naturale poco al di sopra dell’abitato di Crissolo, in valle Po. L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato sino al 31 marzo. La chiusura stagionale viene effettuata per tutelare il periodo di svern

Premiati i vincitori dei Trofei MaB 2018

Premiati lunedì 15 ottobre a Guillestre, durante la tradizionale Foire agricole de la Saint Luc, i vincitori della seconda edizione dei Trofei MaB UNESCO 2018, attività promossa dalla Riserva della biosfera transfrontaliera del Monviso per promuovere e incentivare iniziative locali di eco-cittadinanza innovative e creative. Il concor

Chiuso Buco di Viso

Martedì 9 ottobre gli operai forestali della Regione Piemonte, coordinati dal funzionario tecnico Stefanino Agù, d’intesa con il Parco del Monviso e il Parco del Queyras, hanno provveduto alla chiusura dell’accesso al Buco di Viso per il periodo invernale.
'Il Buco di Viso è una risorsa importante per il nost

Le proposte di educazione ambientale 2018-19

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Musei del Parco - orario autunnale

Con l'arrivo dell'autunno si modificano gli orari dei Musei del Parco.
Chiusi dopo la stagione estiva il Centro Visite Alevè, il Centro Visite di Pian del Re e il Museo del Piropo di Martiniana Po.

Il Museo dei Fiume Po di Revello è aperto invece tutto l'anno. Ogni domenica, dalle 14,30 alle 18,30 è possi

Insecta: incontri ravvicinati con il microcosmo

Domenica 23 settembre alle ore 16,30, in occasione della Sagra dei Tajarin, si terrà nei locali del Comune di Casalgrasso dove è allestita la mostra 'Insecta' un incontro aperto al pubblico, nel quale i guardiaparco presenteranno il Parco del Monviso con un approfondimento sugli insetti presenti sul suo territorio.
La partec

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento