La storia di Antares, allocco della Val Varaita

Pubblichiamo la storia di Antares, un allocco curato e liberato dai volontari del Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo

Erano trascorsi giorni, forse settimane, da quando aveva avuto l’incidente e perso la libertà, ma ancora adesso Antares, uno splendido maschio di Allocco, non aveva le idee ben chiare sull’accaduto.
L’ultimo ricordo nitido si era fermato a quella sera d’autunno nei boschi della bassa valle Varaita: un forte vento caldo soffiava implacabile da sud e con lui le fiamme che divoravano alberi e sottobosco che da tempo si erano arresi alla lunga siccità.

Antares sentiva I morsi della fame, gli abitanti del bosco avevano lasciato nidi e tane per rifugiarsi in luoghi più sicuri, ma lui no: da secoli i suoi antenati abitavano quei luoghi meravigliosi e lui non li avrebbe mai abbandonati, neppure adesso che il cibo scarseggiava.
' E’ meglio cercare un altro territorio di caccia' pensó il rapace mentre, dall’alto di una conifera, osservava la pianura immersa nell’oscurità: solo poche luci illuminavano piccole borgate in netto contrasto con il bagliore sinistro dei fronti di fuoco intorno a lui.
L’allocco planó silenzioso verso la nuova zona da esplorare, ma dopo qualche minuto accadde qualcosa di imprevisto: mentre sorvolava a bassa quota la campagna alla ricerca del luogo propizio per appostarsi, luci improvvise lo abbagliarono seguite da un poderoso spostamento d’aria che lo fece cadere rovinosamente a terra.
L'uccello ferito riprese conoscenza giusto in tempo per scorgere un umano che si avvicinava minaccioso, una specie da evitare assolutamente, come gli avevano più volte ripetuto i genitori durante l'addestramento: 'Sono un rapace possente, pensó Antares, ho becco ed artigli affilati e venderó care le piume!'.
Ma, improvvisamente, una coperta lo immobilizzó prima di dargli il tempo di reagire poi, quando rivide la luce, la vista e l’odore di altri umani provocarono in lui un misto di terrore e nausea: il povero animale era paralizzato dalla paura di quelle sagome enormi che lo stavano afferrando.

Antares era stato portato al Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo.
Giorno dopo giorno, peró, l'allocco mutó il suo terrore iniziale verso quegli esseri in diffidenza: quelle mani che inizialmente lo avevano palpato ovunque con movimenti decisi ma mai violenti, adesso lo imboccavano per aiutarlo a riprendere le forze ed il tono sommesso delle voci gli infondevano coraggio.
'Non si sta poi cosi male qui al CRAS', si scoprì a pensare un giorno, provando quasi un senso di colpa..: 'ma devo assolutamente riconquistare la libertà ed i miei boschi' aggiunse, poi, con fierezza.
Così, alla prima occasione spiccó un volo fuori dalla gabbia: non fece molta strada, in verità, ed il suo tentativo svanì rapidamente di fronte alle porte chiuse della sala ricoveri.
Stranamente peró, gli umani non si erano arrabbiati per quel suo maldestro tentativo di fuga, anzi era pronto a giurare che se ne fossero rallegrati: 'Strani tipi I miei carcerieri' pensó perplesso.

Poi, quella sera, l’incubo era ricominciato: le stesse mani che aveva imparato a conoscere durante I pasti, adesso lo avevano infilato in una scatola e lui era di nuovo terrorizzato per l’incerto destino che lo aspettava
Aveva viaggiato per un pó di tempo su di un’ auto ('come quella che mi ha colpito' aveva pensato con apprensione), poi, improvvisamente, il silenzio intorno a lui, mentre il portellone veniva aperto dall’esterno.
Adesso sentiva solo il respiro regolare dell’umano che saliva lungo il sentiero tenendo con cura la scatola dove lui si trovava rinchiuso. Ma c’era anche qualcos’altro che entrava dai buchi della sua nuova prigione: il crepitio della neve calpestata e l’odore di muschioodore di casa
Il rapace non fece in tempo a finire I suoi pensieri che la scatola venne riaperta: era notte ma una luce, anche se debole, lo abbaglió per un istante, poi, dopo pochi secondi, si spense
Adesso finalmente ci vedeva e l’ombra dell’umano accanto a lui non lo spaventava più: l’allocco dischiuse leggermente le ali facendosi accarezzare dalla dolce brezza notturna, poi, lo scricchiolio familiare dei rami di pino portato dal vento lo risveglió da quel torpore infarcito di benessere.
Ma non era solo quel rumore ad averlo scosso: una mano lo stava accarezzando dolcemente, prima sul capo e poi sul petto.
'Questo è davvero troppo' pensó Antares, ruotando il capo di 180 gradi per sottrarsi a quel gesto inaspettato.

In quell’istante i suoi occhi la videro: la costellazione di Orione stava sorgendo giù a sud ed una falce di luna illuminava il bosco.
I ricordi delle notti di caccia adesso erano vividi in lui mentre le dita dell'uomo si erano spostate sulle sue zampe con piccoli colpetti che lo invitavano ad alzarsi in volo: ma Antares non ne aveva più bisogno, ora lui ricordava tutto e con un battito d'ali si alzó e planó silenzioso sul bosco sottostante.

L'uomo si asciugó furtivo una lacrima di gioia prima di riprendere il sentiero del ritorno alla ricerca di campo per il suo cellulare, ansioso di raccontare agli amici del Centro Recupero i particolari della liberazione, perchè ogni volta che un animale riacquista la libertà è una festa per tutti!
Buona vita, amico mio, vola sicuro sulle ali della notte che quassù profuma di resina e muschio e la luce delle stelle ti guidi sulle invisibili rotte del cielo che già i tuoi avi solcarono tanti anni fa.

Un volontario.


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Vispo - Giovani a raccolta per la salute del Po

Acque inquinate, sponde cementificate, discariche a cielo aperto. E’ così che troppo spesso si presentano il Po e i suoi affluenti. Una grossa pattumiera piuttosto che un bene insostituibile dal punto di vista naturalistico, una risorsa ecosistemica ed economica per il nostro territorio. E’ da questa considerazione che nasce VisP

Terra Madre: il Comune di Saluzzo chiede collaborazione per ospitare i delegati stranieri

«Uno dei valori più importanti che distinguono Terra Madre Salone del Gusto è il sentimento di fraterna accoglienza che le comunità piemontesi esprimono durante i cinque giorni della manifestazione torinese.
Un’apertura che ci rende profondamente felici. Questa rete, che voi oggi rappresentate, è la co

In cammino fra tradizioni e danze occitane - 12-13 maggio

Avete sentito parlare delle danze occitane ma non le avete mai provate? E allora immergetevi con noi in questa due giorni, fra un turbine di tradizioni, lingua, leggende, paesaggi, cibo, cultura e naturalmente musica e danze occitane! Un’esperienza unica!
Il 12 e 13 maggio il Parco del Monviso e l’Associazione Vesulus propongono

L'anello forte: donne e resistenza - Escursione in Val Varaita - 25 aprile

Il Parco del Monviso e l’Associazione Vesulus propongono, in occasione del 25 aprile, una suggestiva traversata sui sentieri percorsi infinite volte dai distaccamenti garibaldini che operavano nella bassa Val Varaita e che trovarono il sostegno di buona parte della popolazione locale, in particolare di quella femminile, come dimostra il caso

Escursioni nel Parco - calendario primaverile

Il Parco del Monviso, in collaborazione con l'Associazione Vesulus, propone per il periodo primaverile una serie di escursioni alla conoscenza del territorio.
Nei link tra parentesi tutte le info:

- 23-24 marzo - Il trionfo del sole: due giorni ad Ostana, in Valle Po, per salutare l'equinozio di primavera all'insegna delle esc

A proposito della rievocazione della Battaglia di Staffarda

Quello che le cronache non dicono

è, normalmente, quella parte di verità che compromette l’'audience', facendo venir meno quel tanto di scandalistico che spesso la alimenta.

Si direbbe sia il caso anche del recente articolo del Corriere di Saluzzo, dal suggestivo sottotitolo 'Staffarda: i pipistre

Non chiamiamole erbacce - Escursione - 25 aprile

Il Parco del Monviso e l’associazione Vesulus propongono un’escursione alla scoperta delle erbe spontanee. Dalla frazione Rocchetta di Sanfront, si salirà lungo un sentiero nel bosco fino alla Borgata Museo di Balma Boves. Durante il tragitto si cercheranno nel loro ambiente le piante spontanee ad uso alimentare per imparare a ri

Alla scoperta della magia del fiume

News dalla rete Cets Monviso

Quattro appuntamenti alla scoperta del fiume con il centro sport fluviali Free Flow Rivers Adventures in collaborazione con l'associazione Amici del Po che propongono la discesa di rafting sul fiume Po, nel tratto Cardè - Villafranca.
Le discese si svolgeranno domenica 15 aprile, sabato 12 m

Laboratori del Parco al Centro Cicogne - Si parte l'8 aprile

Si rinnova anche per il 2018 la collaborazione tra il Parco del Monviso e il Centro Cicogne di Racconigi con una serie di laboratori curati dai guardiaparco e dal personale del Parco che si terranno presso il centro.
Il primo appuntamento è previsto per domenica 8 aprile, dalle ore 16, presso il Centro Cicogne e Anatidi, dove i guardi

Una trilogia fantasy nelle Valli del Monviso

Le Valli del Monviso, dopo essere state teatro di tante vicende storiche, sono diventate anche l’ambientazione di una trilogia fantasy, 'Le storie di Selot' scritte da Perla Gianotti, che ha vissuto per anni tra Barge e Revello prima di trasferirsi a Villanova Mondovì.
Un piccolo marchesato, un territorio quasi del tutto montano

I giorni dei rospi

Il Rospo non è certo uno tra gli animali più apprezzati per eleganza, appariscenza o per la grazia dei suoi movimenti. Al contrario, l’aspetto goffo, le abitudini prevalentemente notturne e la pelle rugosa, hanno contribuito a crearne un’immagine sinistra e spesso associata a miti e leggende oscure che, come al solito, nul

Monviso: la montagna simbolo si racconta - Guide neolitiche su percorsi di antiche globalizzazioni

Proponiamo un articolo di Sergio Beccio, pubblicato su Nóvas d'Occitània, le news del portale Chambra d'OC, in italiano e occitano

[Italiano]
Il Monviso è una montagna simbolo, un riferimento senza tempo, visibile da ogni luogo del territorio piemontese, e non solo; probabilmente creduto una divinità

BambApp - Un social network per monitorare la diffusione dei Bamboo in Piemonte e Val d’Aosta

Tutti possono partecipare. Questa la grande novità di BambApp, un progetto avviato dal DISAFA (Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino) e finalizzato al monitoraggio della diffusione e invasività dei Bamboo* sul nostro territorio.
Per partecipare basta scaricare e installar

Proposte didattiche 2017-2018

Sono state presentate a Cuneo il 20 settembre le proposte di educazione ambientale del Parco del Monviso per l'anno scolastico 2017/2018: numerose proposte che hanno l’obiettivo di creare, a partire dai più piccoli, un atteggiamento più sostenibile e consapevole rispetto alle tematiche ambientali, attraverso attività di c

Chiusura Buco di Viso autunno 2017

Giovedì 12 ottobre la Regione Piemonte, con le squadre degli operai forestali, provvederà alla chiusura dell’accesso al Buco di Viso per il periodo invernale. La chiusura si rende necessaria per evitare che la neve si accumuli nel tunnel, ostruendo il passaggio e recando danni alla struttura che potrebbero ritardare la riapertur

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Musei del Parco - chiusi a Pasqua, aperti a Pasquetta

Ha riaperto domenica 4 marzo per il Museo del Piropo di Martiniana Po, sarà possibile visitare tutte le domeniche dalle 14,30 alle 18,30.
Il Museo del Po di Revello mantiene invece l'apertura tutte le domeniche con il consueto orario (14,30-16,30)
L'ingresso, come sempre, è gratuito.
Ancora chiusi, fino all'estate

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento