L'incredibile viaggio delle Vanesse

Vanessa atalanta*. Non si tratta di una tifosa della nota squadra di calcio bergamasca ma di un’appariscente farfalla piuttosto comune nelle campagne, nelle aree verdi urbane e nelle le praterie di montagna.
Questo colorato e appariscente lepidottero ha tuttavia una vita del tutto sorprendente: l’adulto puó vivere quasi un anno, non ha particolare timore dell’uomo, è in grado di effettuare lunghi viaggi migratori verso il Nord-Europa partendo dalle regioni settentrionali dell’Africa e puó anche ibernarsi nei periodi più freddi!
Chi passeggia nelle belle giornate autunnali per parchi e giardini l’avrà sicuramente ammirata mentre sfreccia rapida per poi posarsi a terra, sul tronco di un albero o addirittura sui propri vestiti!
Qual è peró il motivo della relativa abbondanza di questa farfalla proprio nel mese di ottobre? A quanto pare, la nostra penisola è una delle rotte migratorie più frequentate da tutti gli individui che, dopo essersi riprodotti nelle regioni settentrionali dell’Europa, scendono verso le aree mediterranee e l’Africa settentrionale per trascorrervi l’inverno.
La Vanessa atalanta mostra un comportamento migratorio peculiare: gli individui si spostano in volo solitario, senza formare associazioni con altri consimili (comportamento molto diffuso invece in molte specie di uccelli ma non solo, alti lepidotteri come la farfalla monarca nelle Americhe forma stormi di migliaia di individui durante le sue migrazioni) e la velocità del volo si attesta su una media di 14 chilometri orari con un’altezza di circa un 1 metro dal suolo.
Così come esiste una migrazione autunnale, dobbiamo aspettarci anche un flusso migratorio in primavera che, tuttavia, presenta un numero di individui di norma assai inferiore a quello osservato in autunno.
Il motivo di questa drastica riduzione sembrerebbe legato alla alta mortalità degli individui nati nella primavera precedente, tanto che solo il 3-5% delle farfalle sopravvivrebbe fino alla successiva stagione riproduttiva. Altri studi peró sembrano indicare che la migrazione possa avvenire a quote molto elevate e quindi di difficile osservazione diretta.
Una specie assai simile alla Vanessa atalanta e che mostra un comportamento migratorio quasi analogo è la conspecifica Vanessa cardui (vanessa del cardo). Questa farfalla puó compiere rotte talvolta assai più lunghe, raggiungendo addirittura le regioni tropicali. Anche in questo caso, l’osservazione diretta del flusso migratorio della Vanessa del cardo è assai arduo poiché migra a quote molto elevate. Fatto confermato solo recentemente attraverso studi condotti con sofisticati rilevamenti radar in grado di rilevare il movimento dei lepidotteri in migrazione.
La Vanessa atalanta e la Vanessa del cardo sono specie inconfondibili per i loro colori e sono tra le farfalle più comuni delle nostre regioni, soprattutto nei periodi migratori.
La Vanessa atalanta puó talvolta essere avvistata addirittura durante le giornate invernali più miti. Non tutti gli individui migrano, alcuni cercano anfratti rocciosi, vecchi edifici abbandonati e cavità in vecchi alberi, dove vanno incontro al cosiddetto 'processo di ibernazione', un rallentamento delle funzioni vitali non molto differente dal più celebre 'letargo' particolarmente diffuso in molte specie di mammiferi. Colonizza svariati ambienti, con una predilezione per aree fresche o umide, caratterizzate dalla presenza di piante ruderali come l’ortica o la paretaria di cui si nutre la larva. Gli adulti si cibano invece di nettare, della linfa di alberi e arbusti, di frutta marcescente ed anche di escrementi animali.
La Vanessa del cardo è invece legata ad ambienti più secchi e soleggiati, dove trova numerose specie di cardi e affini (es. Cirsium sp.), specie di cui si nutre la larva.
Per concludere, lo studio dei flussi migratori di queste farfalle non è solo utile per approfondirne la biologia e il comportamento, ma puó aiutarci a comprendere meglio i mutamenti climatici in atto.
Il mutamento comportamentale degli organismi migratori è infatti uno dei fattori che sembra maggiormente risentire del riscaldamento globale e dei conseguenti inverni miti verificatisi negli ultimi anni. Tutto ció sembra produrre un ritardo del periodo migratorio rispetto ai dati storici consueti ed anche una riduzione degli individui in migrazione a favore di popolazioni residenti sempre più numerose.

Tenete gli occhi bene aperti in questo periodo e se volete, inviateci le vostre osservazioni di Vanessa atalanta (completa di località, direzione di volo, numero individui se possibile) o segnalate voi stessi le vostre osservazioni utilizzando le piattaforme on-line come Ornitho** o iNaturalist.
Contribuite insieme a noi allo studio di queste interessanti farfalle!

*'Vanessa' È un nome recente e di origine letteraria, inventato dallo scrittore Irlandese Jonathan Swift e successivamente utilizzato dal naturalista danese Johan Christian Fabricius, grande estimatore di Swift proprio per descrivere un genere di lepidotteri: Vanessa sp.
'atalanta' è un celebre personaggio della mitologia greca, una fanciulla abile nella caccia e imbattibile nella corsa.
**Ornitho è partner ufficiale del progetto Insectmigration - https://insectmigration.wordpress.com

(Roberto Ostellino)

Fonti:
Silvano Benvenuti , Paolo Dall' Antonia & Paolo Ioalè (1994) Migration pattern of the red admiral, Vanessa atalanta L. (Lepidoptera, Nymphalidae), in Italy, Bolletino di zoologia, 61:4, 343-351, DOI: 10.1080/11250009409355905
http://dx.doi.org/10.1080/11250009409355905
https://insectmigration.wordpress.com
http://animaldiversity.org University of Michigan
http://www.ukbutterflies.co.uk
https://en.wikipedia.org/wiki/Vanessa_cardui
https://en.wikipedia.org/wiki/Vanessa_atalanta

Saluzzo, 27 ottobre 2017


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Il Rifugio Giacoletti ha un nuovo impianti di depurazione delle acque

Durante la stagione estiva 2018 il CAI di Barge ha svolto un lavoro di riqualificazione degli impianti di depurazione esistenti presso il rifugio 'Vitale Giacoletti', nel comune di Crissolo a quota 2.741 metri al colle del Losas, di fronte alla parete Nord del Monviso: una struttura che vede il passaggio estivo di migliaia di escursionisti grazie a

Si svolge il primo Meeting nazionale delle Riserve della Biosfera UNESCO

Da giovedì 8 a sabato 10 novembre si svolge a Ottaviano in provincia di Napoli, il primo Meeting nazionale delle Riserve della Biosfera UNESCO. L’evento vuole essere un momento di confronto sulle attività svolte nelle varie riserve UNESCO e di analisi dei risultati raggiunti, con l’intento di incoraggiare le attività

Chiusi la strada per Pian del Re e il Colle dell'Agnello

Come previsto, anche per quest'anno con l'arrivo della prima neve, la Provincia di Cuneo ha disposto la chiusura della strada per Pian del Re.
A metà ottobre è invece stato chiuso il colle dell'Agnello che consente il passaggio dalla Val Varaita al Queyras.
Le strade resteranno chiuse per tutto il periodo invernale, fino

Domenica 28 ottobre ultima apertura del Museo del Piropo prima della chiusura stagionale

Domenica 28 ottobre sarà l’ultimo giorno di apertura di questa stagione per il Museo del Piropo di Martiniana Po.
L’esposizione è dedicata al rarissimo cristallo parente dei granati, noto in pochissimi siti al mondo e presente in grande quantità nei dintorni montuosi di Martiniana Po.
Il museo è

Dal 1 novembre chiude la grotta di Rio Martino

Come ogni anno, da giovedì 1 novembre saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino, cavità naturale poco al di sopra dell’abitato di Crissolo, in valle Po. L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato sino al 31 marzo. La chiusura stagionale viene effettuata per tutelare il periodo di svern

Premiati i vincitori dei Trofei MaB 2018

Premiati lunedì 15 ottobre a Guillestre, durante la tradizionale Foire agricole de la Saint Luc, i vincitori della seconda edizione dei Trofei MaB UNESCO 2018, attività promossa dalla Riserva della biosfera transfrontaliera del Monviso per promuovere e incentivare iniziative locali di eco-cittadinanza innovative e creative. Il concor

Chiuso Buco di Viso

Martedì 9 ottobre gli operai forestali della Regione Piemonte, coordinati dal funzionario tecnico Stefanino Agù, d’intesa con il Parco del Monviso e il Parco del Queyras, hanno provveduto alla chiusura dell’accesso al Buco di Viso per il periodo invernale.
'Il Buco di Viso è una risorsa importante per il nost

Le proposte di educazione ambientale 2018-19

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Musei del Parco - orario autunnale

Con l'arrivo dell'autunno si modificano gli orari dei Musei del Parco.
Chiusi dopo la stagione estiva il Centro Visite Alevè, il Centro Visite di Pian del Re e il Museo del Piropo di Martiniana Po.

Il Museo dei Fiume Po di Revello è aperto invece tutto l'anno. Ogni domenica, dalle 14,30 alle 18,30 è possi

Insecta: incontri ravvicinati con il microcosmo

Domenica 23 settembre alle ore 16,30, in occasione della Sagra dei Tajarin, si terrà nei locali del Comune di Casalgrasso dove è allestita la mostra 'Insecta' un incontro aperto al pubblico, nel quale i guardiaparco presenteranno il Parco del Monviso con un approfondimento sugli insetti presenti sul suo territorio.
La partec

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento