Sarebbe la prima volta che... - Il Parco propone i Piani Pascolo Aziendali

'Sarebbe la prima volta che qualcuno chiede ai margari cosa ne pensano di un progetto che li riguarda'. Questo il commento di chiusura da parte di un partecipante all’incontro del 25 maggio 2017, tenutosi presso la sede del Parco del Monviso e dedicato alla presentazione progetto 'Valutazione delle potenzialità pastorali e pianificazione di una gestione multifunzionale per la conservazione dei servizi ecosistemici degli alpeggi del Parco del Monviso'.

Il progetto nasce da una collaborazione tra l’Ente Parco e il DISAFA (Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino) ed è finalizzato alla redazione di Piani Pascolo Aziendali (PPA) per le aziende che si trovano all’interno del Sic 'Gruppo del Monviso e del Bosco dell'Alevé'- Parco del Monviso.
Il progetto si svilupperà in tre anni e prevede:
nel 2017 - fase conoscitiva con ricerca e analisi di dati territoriali e raccolta di eventuali adesioni da parte di aziende del territorio,
nel 2018 - fase operativa con la redazione di PPA per le aziende interessate a partecipare al progetto,
nel 2019 - fase conclusiva con una prima verifica dei risultati ottenuti.

Ma facciamo un passo indietro: cosa centra la pastorizia con un Parco e cos’è un Piano Pascolo Aziendale?
Come sottolineato dal Presidente del Parco del Monviso Gianfranco Marengo, il paesaggio alpino che tutti ammiriamo e di cui godiamo, è frutto della storica convivenza tra le attività umane e gli elementi naturali.
Il corretto sfruttamento delle risorse naturali attraverso il pascolo con animali domestici, è quindi un elemento irrinunciabile per il mantenimento degli equilibri ecologici dei paesaggi alpini. Il loro abbandono viceversa, genererebbe in pochi anni drastiche trasformazioni, con la scomparsa di interi habitat e di numerose specie oggi presenti e che tutti identifichiamo idealmente con la 'Montagna'.

Giampiero Lombardi (docente DISAFA), nel suo intervento, ha poi evidenziato come occorra peró gestire nel modo appropriato le attività pascolive per poter di garantire la conservazione nel tempo sia degli habitat che della qualità produttiva delle aziende del territorio. Il Piano Pascolo Aziendale è in questo senso un ottimo strumento di gestione che viene concertato con allevatori, tecnici, amministratori comunali ed Ente Parco, con la finalità di arrivare ad una gestione condivisa delle risorse tra tutti gli attori del territorio.

Un pascolo gestito correttamente attraverso un PPA, aiuta l’azienda agricola a conservare le potenzialità dei propri pascoli nel tempo e permette al contempo di migliorare l’efficienza della produzione e delle modalità di lavoro. Dal punto di vista naturalistico, una pianificazione delle attività produttive consente di ridurre le pressioni sugli habitat di pregio (tutelati da direttiva europea 43/93/CEE) permettendo il raggiungimento degli obiettivi conservazionistici delle specie presenti.

La collaborazione del DISAFA è quindi una preziosa opportunità per le aziende presenti nel Parco del Monviso, per le Amministrazioni Comunali e per l’Ente Parco stesso per il raggiungimento di obiettivi diversi attraverso l’utilizzo di uno strumento condiviso.

Foto di Enrico Chiavassa


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Buco di Viso in attesa della riapertura

Il tunnel delle Traversette, o Buco di Viso è il più antico traforo delle Alpi, realizzato per volere del Marchese di Saluzzo Ludovico II e aperto nel 1480. Ogni anno sono tantissimi gli escursionisti che percorrono il tunnel, che fa parte del percorso del Giro di Viso e permette di raggiungere la Francia senza dover salire fino al Co

Le tovagliette del giro di Viso

Il Parco del Monviso, con la collaborazione del Cai, dei gestori dei rifugi e della Birra Kauss, ha promosso la realizzazione di tovagliette, che saranno distribuite in tutti i rifugi dell’area del Monviso, sulle quali saranno segnalati i sentieri del Giro di Viso e i confini del Parco.
'Questa iniziativa - commenta il presidente Mare

Sarebbe la prima volta che... - Il Parco propone i Piani Pascolo Aziendali

'Sarebbe la prima volta che qualcuno chiede ai margari cosa ne pensano di un progetto che li riguarda'. Questo il commento di chiusura da parte di un partecipante all’incontro del 25 maggio 2017, tenutosi presso la sede del Parco del Monviso e dedicato alla presentazione progetto 'Valutazione delle potenzialità pastorali e pianificazi

Il 24 e 25 giugno Festa di San Giovanni a Crissolo

A Crissolo quest’anno la festa patronale di San Giovanni, molto sentita dalla comunità, si presenta in una veste completamente rinnovata ed arricchita.
La Pro-loco riprenderà un’antica tradizione, organizzando sabato 24 giugno una serata di festa con grande faló e balli con musica occitana, ai quali, chi lo d

Come previsto lo scorso anno, tornano ad ingiallire i larici in Val Varaita

Lo scorso anno era stato previsto e spiegato: anche l’estate 2017 avrebbe visto gli effetti della Tortrice sui larici in Val Varaita. E infatti si iniziano a notare i primi alberi ingialliti a causa dell’attacco di questa farfalla autoctona che convive con queste piante e periodicamente ha un’esplosione della popolazione, provocan

Estate 2017: aperti tutti i musei del Parco

Con il mese di giugno aumenta l’offerta museale del Parco del Monviso: dall’11 giugno riapre il Centro Visite Alevè di Casteldelfino, da luglio si inserirà nell’elenco anche il Centro Visite di Pian del Re.
Vediamo nel dettaglio le prossime aperture:
Al Centro Visite Alevè gli orari sono:

Route sul Monviso: un vademecum per i gruppi scout e non solo

Ogni estate numerosi gruppi scout decidono di compiere escursioni nello stupendo ambiente naturale del Parco del Monviso, sui sentieri intorno al «Re di Pietra» delle Alpi Cozie.
il frequente numero di passaggi di comitive non adeguatamente informate sull’alpinismo in quota, sui problemi e sui pericoli che si incontrano a p

Changing climate, changing Parks - n. 6

Seguendo una lezione di Luca Mercalli
6^ ed ultima pillola: Linee di orientamento e di azione

Sono universalmente conosciute le priorità d’azione.
E in molti casi sono stati approntati gli strumenti legislativi idonei per fronteggiare la situazione di emergenza ambientale.
I più importanti pr

Riaperto il Colle dell'Agnello e la strada per Pian del Re

Ha riaperto il 1 giugno il Colle dell'Agnello, la strada provinciale 251 che collega l'Italia alla Francia.
Dopo la chiusura invernale è nuovamente consentito l'accesso anche alla strada provinciale 234 nel tratto tra Pian della Regina e Pian del Re, nel territorio del Comune di Crissolo.
Ricordiamo che a Pian del Re l'accesso

Cultura = Capitale: uno studio sulla Riserva della Biosfera Trasfrontaliera del Monviso

E’ stato pubblicato, nella collana dei Quaderni di ricerca del Centro Studi Silvia Santagata - CSS Ebla [Cultura= Capitale], il lavoro di analisi compiuto sul territorio del Monviso, riconosciuto dall’UNESCO come Riserva della Biosfera nell’ambito del UNESCO's Man and Biosphere Programme. L’area, che interessa oltre 100 comu

Pagine botaniche dal taccuino del Guardiaparco

Ecco perché tutte le orchidee spontanee sono fiori speciali da proteggere

In servizio per le nostre valli, mi è capitato di imbattermi nella fioritura di bellissime orchidee. Se ci si lascia trasportare dalla curiosità di osservarle più da vicino, si scopre che le piantine, a prima vista tutte uguali, in r

Grotta di Rio Martino

Dal 1 aprile è nuovamente accessibile la Grotta di Rio Martino di Crissolo, riserva naturale e sito di importanza comunitaria. La grotta resterà accessibile fino a fine ottobre, poi sarà nuovamente chiusa nel periodo invernale per non disturbare il letargo di sette specie di pipistrelli che nella grotta hanno trovato la loro

Riqualificazione e valorizzazione dei laghi di cava

La prima piana del Po, da Saluzzo a Torino, ha tutte le caratteristiche del resto della pianura padana, ma con una cosa in più, poco appariscente ma importante: riposa sul miglior giacimento di ghiaie d'Italia, il più ricco e soprattutto ottimo per la qualità produttiva. Non per caso una ventina di importanti attività es

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento