Un volo di colori

L’immagine simbolica della Primavera è spesso rappresentata dall’esplosione delle forme e dei colori tipiche dei fiori delle praterie alpine e dei prati di campagna.
Non molti sanno peró che altri vivaci colori arrivano in questo momento dell’anno nelle campagne e nei boschi, seguendo lunghe ed estenuanti rotte migratorie che talvolta hanno inizio addirittura nel cuore dell’Africa.
Il Gruccione (Merops apiaster) è uno di questi visitatori primaverili e rappresenta forse uno degli uccelli più spettacolari della nostra fauna. Si tratta di un vorace e coloratissimo cacciatore di insetti che nidifica curiosamente all’interno del suolo!
Questo uccello sceglie pareti verticali di argilla, spesso in corrispondenza di sponde fluviali erose dal fiume, nelle quali scava un lungo cunicolo dove depone le uova e alleva i piccoli. Il gruccione nidifica in colonie e, dove è presente, si possono talvolta incontrare centinaia di individui vociferi e indaffaratissimi nella ricerca di insetti con i quali nutrire la prole.
Il Gruccione non è l’unico uccello che scava il nido in luoghi simili. I Topini (Riparia riparia), ad esempio, sono 'cugini' delle più note rondini e nidificano anch’essi in corrispondenza di pareti verticali di argilla e come i Gruccioni giungono nelle nostre regioni in Primavera. Anche il Martin pescatore (Alcedo atthis) costruisce il proprio nido scavando una galleria nel terreno. Tuttavia, le similitudini con Gruccioni e Topini finiscono qui: si tratta infatti di un uccello stanziale, ovvero presente tutto l’anno nei nostri laghetti e corsi d’acqua e come ben dice il suo nome, mostra una dieta strettamente legata agli organismi acquatici come pesciolini, girini e larve di insetti. Anche il Martin pescatore presenta un piumaggio molto appariscente e coloratissimo, tanto da essere uno degli animali più apprezzati da birdwatchers e fotografi naturalistici.
Rara e spesso solo di passaggio è poi la Ghiandaia marina (Coracias coracias). Un uccello spettacolare nel suo acceso piumaggio azzurro-verde e marrone. Anche questa specie trascorre l’inverno nell’Africa sub-sahariana per poi tornare a visitare l’Europa mediterranea e orientale (e anche il Medio Oriente), dove si trovano i suoi principali siti di nidificazione. La Ghiandaia marina era forse un tempo più comune nelle nostre regioni, ma la progressiva scomparsa del suo habitat elettivo, le praterie a pascolo con alberelli sparsi, ha considerevolmente ridotto negli anni la sua presenza nelle nostre regioni.
Che dire poi del giallo appariscente del Rigogolo (Oriolus oriolus)? Il maschio di questa specie è un’altra bellissima sorpresa primaverile per via del suo piumaggio giallo molto intenso che contrasta nettamente con il nero delle ali. La femmina è anch’essa molto bella, ma presenta un piumaggio dai colori più tenui che sfuma dal giallo verso un verde oliva. Il Rigogolo è, peró, un animale assai timido e preferisce muoversi tra le fronde di alti alberi piuttosto che frequentare aree aperte come campi e prati. Molto più facile da ascoltare che da vedere, questo uccello allieta le giornate di primavera con il suo canto melodioso simile a un delicato fischio modulato.
Se invece il vostro sguardo venisse attratto da un rapido e insolito frullo d’ali, seguito poi da un buffo richiamo simile a una trombetta sorda che suona 'puup-puup', potreste trovarvi di fronte ad un’Upupa (Upupa epops). Questo curioso animale è l’unico rappresentante vivente della famiglia degli Upupidi e presenta un becco lungo e sottile e un capo dotato di penne marroncine che possono essere sollevate a formare un’evidente cresta. Il piumaggio delle ali e del petto è bianco con striature nere che contrastano con il marrone chiaro del collo e del capo. L’upupa è un tipico visitatore primaverile delle nostre campagne; sceglie talvolta casolari e vecchi alberi o edifici abbandonati per la costruzione del nido. Occhi e orecchie aperte quindi se passate vicino a un cascinale in aperta campagna!
Concludiamo questo piccolo excursus nient’affatto esaustivo tra i colorati piumaggi primaverili, citando altri tre protagonisti di lunghi viaggi migratori: il Codirosso comune (Phoenicurus phoenicurus), l’Averla piccola (Lanius collurio) e l’Averla capirossa (Lanius senator). Il primo mostra colori che passano dall’arancione acceso, al nero con tracce di blu, mentre il maschio dell’Averla piccola fa sfoggio di tinte dall’azzurro tenue, al rosa, al grigio e al nero, tutti miscelati in un mosaico degno del tocco di un grande maestro del colore. L’Averla capirossa, ormai rara e sporadica, è un bellissimo uccello, dal capo rosso vivo che contrasta con il piumaggio nero e bianco del resto del corpo.

Un’importante nota operativa per tutti: Segnalateci le vostre osservazioni, soprattutto per le specie più rare! Avere un’idea puntuale delle aree visitate da Ghiandaie marine o da alcune specie di Averle o venire a conoscenza di nuovi siti di nidificazione di Topini e Gruccioni ad esempio, puó aiutare il mondo scientifico a conoscere meglio la distribuzione e il comportamento di queste specie e puó permetterci allo stesso tempo di attivare interventi per la loro conservazione e per la tutela dei loro habitat.
Potete inviare le vostre segnalazioni a info@parcomonviso.eu meglio se corredate da una foto con data di scatto e luogo esatto dell’avvistamento.


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Un convegno sull'architettura alpina ad Ostana

Numerose recenti iniziative, dai premi alle pubblicazioni, nonché una sempre crescente diffusione sui media, rinnovano ancora una volta ’attualità e la rilevanza dell’architettura nelle Alpi all’interno del dibattito internazionale.
Le differenze geografiche ma soprattutto socio-economiche tra i molti ambiti t

Chiusa la strada per Pian del Re

Con l'arrivo della prima neve in quota, la Provincia di Cuneo ha disposto la chiusura della strada che da Pian Regina porta a Pian del Re.
La strada resterà chiusa per tutto il periodo invernale, fino all'arrivo della bella stagione, quando le temperature più miti scioglieranno la neve e permetteranno nuovamente il transito del

Un'app per evitare gli incidenti con animali selvatici

Il 17 settembre scorso un cervo ha attraversato la strada tra Vernante e Limone Piemonte causando un incidente, con gravi danni per l’auto investita dall’animale selvatico. E’ solo uno dei tanti casi che forse si sarebbe potuto evitare scaricando l’app Spia (Segnalazione pericolo investimento animali), l’applicativo g

Chiude dal 1 novembre la Grotta di Rio Martino

Come ogni anno, martedì 31 ottobre 2017 alle ore 10:00 saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino.
L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato dal 1 novembre sino al 31 marzo. Questo divieto è posto per la tutela del periodo di svernamento dei pipistrelli, per i quali il disturbo della p

Spettacolare edizione del Trisport del Po

Il successo della edizione 2017 del Trisport del Po, originale manifestazione sportiva di Triathlon svoltasi a Villafranca P.te domenica 22 ottobre è lì a dimostrarlo!
Partita in sordina quasi come disfida tra amici qualche anno fa è uscita dal contesto della goliardia raggiungendo le dimensioni di una vera è prop

L'incredibile viaggio delle Vanesse

Vanessa atalanta*. Non si tratta di una tifosa della nota squadra di calcio bergamasca ma di un’appariscente farfalla piuttosto comune nelle campagne, nelle aree verdi urbane e nelle le praterie di montagna.
Questo colorato e appariscente lepidottero ha tuttavia una vita del tutto sorprendente: l’adulto puó vivere quasi un

Pubblicato il Bando per i progetti di Rete Turistica Territoriale del Gal

Il GAL Tradizione delle Terre Occitane di Caraglio ha predisposto il secondo bando multioperazione della programmazione 2014-2020, incentrato sul potenziamento e sulla valorizzazione del turismo sostenibile e dei prodotti locali, rivolto a diverse categorie economiche.
Il bando 'per la selezione dei progetti di Rete territoriale', in pubblic

Musei del Parco: orari

Ultime domeniche di apertura per il Museo del Piropo di Martiniana Po, che come di consueto chiuderà per la stagione invernale da novembre a febbraio.
Il Museo del Po di Revello mantiene invece l'apertura tutte le domeniche con il consueto orario (14,30-16,30)
L'ingresso, come sempre, è gratuito.
Sono già c

''Pastori di montagne'' in tour

Partirà con la serata del 14 ottobre a Sampeyre un vero e proprio tour di presentazione per il libro Pastori di Montagne, dedicato alla storia delle Guide Alpine.
Il volume, che vede tra gli autori Stefano Beccio, Caterina Morello, Marco Bovero e Hervè Tranchero racconta l’avvincente storia della nascita dell’alpin

Chiusura Buco di Viso autunno 2017

Giovedì 12 ottobre la Regione Piemonte, con le squadre degli operai forestali, provvederà alla chiusura dell’accesso al Buco di Viso per il periodo invernale. La chiusura si rende necessaria per evitare che la neve si accumuli nel tunnel, ostruendo il passaggio e recando danni alla struttura che potrebbero ritardare la riapertur

Il 16 ottobre chiude il Colle dell'Agnello

Chiuderà il 16 ottobre, dopo la Fiera di San Luca, il Colle dell'Agnello, il valico transalpino che collega la Val Varaita con il Queyras.
Il valico, che con i suoi 2748 metri è il secondo più alto d’Italia, era stato aperto il 1 giugno, garantendo il passaggio transfrontaliero per tutta la stagione turistica.

Proposte didattiche 2017-2018

Sono state presentate a Cuneo il 20 settembre le proposte di educazione ambientale del Parco del Monviso per l'anno scolastico 2017/2018: numerose proposte che hanno l’obiettivo di creare, a partire dai più piccoli, un atteggiamento più sostenibile e consapevole rispetto alle tematiche ambientali, attraverso attività di c

Sportello forestale: dal 26 settembre tutti i martedì

Con l’apertura della stagione silvana, da martedì 26 settembre il Parco del Monviso attiva nuovamente lo Sportello Forestale.
Lo Sportello è aperto tutti i martedì mattina dalle ore 9.00 alle ore 12.00 presso la sede di Saluzzo, in Via Griselda 8 nel Palazzo Solaro di Monasterolo. Presso lo Sportello Forestale &eg

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento