Pagine botaniche dal taccuino del Guardiaparco

Ecco perché tutte le orchidee spontanee sono fiori speciali da proteggere

In servizio per le nostre valli, mi è capitato di imbattermi nella fioritura di bellissime orchidee. Se ci si lascia trasportare dalla curiosità di osservarle più da vicino, si scopre che le piantine, a prima vista tutte uguali, in realtà si differenziano per forme e colori; più si osservano e più si desidera conoscere questi fiori. Esse emanano un fascino unico, una sorta di sindrome di Stendhal.
Ma perché le orchidee sono così speciali da essere protette? Una ragione c’è e non è solo la loro indiscussa bellezza. Le orchidee sono piante molto delicate, anzi 'sofisticate', perché per nascere devono verificarsi particolari condizioni. Innanzitutto le orchidee sono specie simbionti di funghi: il seme microscopico (polveroso) sprovvisto di materiale nutritizio, per svilupparsi, deve incontrare nel terreno un fungo con il quale formare un sodalizio vantaggioso. Il fungo entra nella radice e aiuta la pianta a integrare la sua 'dieta' fornendo i sali minerali di cui necessita; l’orchidea in cambio cede al fungo zucchero (endomicorrize).
Questo è il principale motivo del perché un’ orchidea prelevata in un luogo e trapiantata in un altro non fiorisce più ed è destinata a morte certa!
Esistono poi orchidee esclusive di suoli silicei e altre che prediligono terreni calcarei, specie tipiche di fondovalle e specie legate ad ambienti di bosco o rupicole.
Ma le sorprese non sono finite!! La giovane plantula, una volta raggiunta l’età della riproduzione (talvolta sono necessari alcuni anni), si prepara a mostrare il fiore che dev’essere impollinato.
Anche in questo caso le orchidee risultano complicate, perché a ciascuna specie spesso corrisponde una sola specie di insetto impollinatore da ricercare tra: api, bombi, api solitarie e farfalle.
Esistono diverse strategie riproduttive, quasi tutte ottenute con l’inganno, di cui riporto qualche esempio:
- Il fiore puó assumere lo stesso odore del feromone delle femmine degli insetti impollinatori e attrarre così i maschi che, volando di orchidea in orchidea, le feconderanno
- il fiore imita nel disegno e nella forma l’organo deputato alla riproduzione e l’insetto maschio vi si poggia sopra prelevandone inconsapevolmente il polline che verrà poi trasferito ;
- parti del fiore assumono sembianze di coppe ricolme di nettare da risultare assolutamente irresistibili: gli insetti gustandolo si sporcano di polline che spostano con il volo ;
- le infiorescenze possono essere profumatissime (alcune orchidee del genere Nigritella hanno sentore di vaniglia e/o cioccolato) e attirano negli speroni farfalle con organi succhiatori altamente specializzati.
Tutti questi stratagemmi andranno a buon fine e ne seguirà un frutto, sempre che le stagioni portino con sé condizioni climatiche favorevoli, sia per le piante sia per gli insetti impollinatori.
La perdita di molte specie e la loro drastica diminuzione è dovuta non solo alla rarefazione degli ambienti e ai cambiamenti climatici, ma anche alle attività umane e all’abbandono dei pascoli; basta poco per variare gli elementi che compongono il precario equilibrio necessario per la vita di questi vegetali.
Osserviamo dunque le orchidee con un occhio di riguardo, ora che conosciamo la complessità biologica che le caratterizza e il motivo della loro protezione assoluta (in tutta la Regione è vietata non solo la raccolta ma anche il danneggiamento).
La prossima volta che ci capiterà di trovarle sul sentiero, sarà motivo d’orgoglio sapere di aver fatto un incontro speciale, da immortalare con una bella fotografia. Non si potrà poi resistere alla curiosità di scoprire con quale delle 90 specie presenti in Piemonte abbiamo avuto il piacere di fare la nostra conoscenza!

(Guardiaparco Annalisa Rebecchi)


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Suoni dal Monviso: Ylamar a Pagno il 26 agosto

Una songwriter suggestiva, un beatboxer energico e sognante, un tastierista introspettivo fondono le loro idee in arrangiamenti di forte pathos, dalle atmosfere evocative e avvolgenti.
Una sonorità originale e sincera che sa parlare direttamente al cuore come un richiamo d'oltremare.
Con questa 'copertina' Suoni dal Monviso pre

Indagine di mercato per affidamento del servizio di supporto alle attività di promozione

Il Parco del Monviso ha in corso un'indagine di mercato per l'affidamento del servizio di supporto alle attività di promozione.
L’incarico si configura come prestazione dei seguenti servizi:
- progettazione, promozione e svolgimento delle attività di educazione ambientale con scuole e gruppi;
- l'apertura d

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Estate nei musei del Parco

Martedì 15 agosto saranno tutti aperti i Musei del Parco del Monviso, un’occasione per scoprire di più sull’ambiente, la fauna e la geologia dell'area protetta.
A Revello, il Museo Naturalistico del Fiume Po sarà aperto dalle 14,30 alle 18,30; stessi orari anche per il Museo del Piropo di Martiniana Po. Entra

Migrans 2017 - In volo verso l'Africa

Anche quest’anno il Parco del Monviso organizza le osservazioni della migrazione autunnale del Falco pecchiaiolo in località Bric Lumbatera, nel comune di Paesana. Le osservazioni rientrano nel progetto Migrans, coordinato dal Parco Alpi Marittime da oltre 25 anni, che ha lo scopo di monitorare, in tutta Italia la migrazione dei rapaci

Giovani in vetta

Un avventuroso trekking sotto la pioggia e il vento, una notte al rifugio Vallanta con giochi di luce e incredibili fotografie, l’osservazione astronomica del cielo estivo, un divertente laboratorio di botanica per scoprire la flora alpina e le sue insospettabili strategie di adattamento ad un ambiente estremo come quello di alta quota.

Pagine botaniche dal taccuino del Guardiaparco

Timo serpillo: profumo di limone e di storie incredibili dalla natura.

Chiunque frequenti la montagna è in grado di riconoscere le pianticelle del timo selvatico: le foglie piccole ellittiche sono opposte, i fusti striscianti hanno la consistenza di rametti e i fiori rosa-viola sono riuniti in gruppi globosi. Da sempre chi vi

Partecipa ai Trofei 2017 della Riserva della biosfera transfrontaliera del Monviso

La Riserva della biosfera transfrontaliera del Monviso organizza quest’anno, per la prima volta, un concorso per premiare le iniziative locali di eco-cittadinanza innovative e che possano diventare degli esempi di buone pratiche. Due vincitori riceveranno ognuno 1000 per realizzare il loro progetto.

La Riserva della biosfera

Navetta e parcheggio a Pian del Re

Dal 24 giugno è attivo il servizio navetta per raggiungere Pian del Re. La navetta sarà disponibile tutti i week-end (sabato e domenica) fino al 10 settembre, mentre dal 6 al 20 agosto sarà attiva tutti i giorni. Prima corsa alle ore 8,30 da Crissolo, ultima partenza da Pian del Re alle 18,30. Le tariffe restano invariate rispe

Il Parco a Casteldelfino

Si è tenuta sabato 24 giugno l’inaugurazione della nuova sede operativa del Parco del Monviso a Casteldelfino. Il presidente del Parco, Marengo e il consigliere Ambrogio, accompagnati dal responsabile del servizio tecnico e dai guardiaparco, hanno accolto nel nuovo centro i numerosi partecipanti, tra cui l’Assessore ai Parchi Val

Suoni dal Monviso 2017

8 concerti in 80 giorni. Possiamo riassumere così la 13 edizione di Suoni dal Monviso, la stagione musicale saluzzese, organizzata dal Gruppo Corale I Polifonici del Marchesato e ispirata dal desiderio di coniugare un ambiente di indiscussa bellezza con una proposta culturale di alto profilo. Anche quest’anno, l’universo musical

Estate 2017: aperti tutti i musei del Parco

Con il mese di giugno aumenta l’offerta museale del Parco del Monviso: dall’11 giugno riapre il Centro Visite Alevè di Casteldelfino, da luglio si inserirà nell’elenco anche il Centro Visite di Pian del Re.
Vediamo nel dettaglio le prossime aperture:
Al Centro Visite Alevè gli orari sono:

Route sul Monviso: un vademecum per i gruppi scout e non solo

Ogni estate numerosi gruppi scout decidono di compiere escursioni nello stupendo ambiente naturale del Parco del Monviso, sui sentieri intorno al «Re di Pietra» delle Alpi Cozie.
il frequente numero di passaggi di comitive non adeguatamente informate sull’alpinismo in quota, sui problemi e sui pericoli che si incontrano a p

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento