Changing climate, changing Parks - n. 3

Seguendo una lezione di Luca Mercalli

3^ pillola: Biodiversity first (ovvero: quali priorità?)

A tutti i motti simil-trumpiani ('America first' è diventato subito 'virale' in questa nostra società, assetata di insulsi protagonismi), si puó ragionevolmente opporre che, prima di tutto, ci si dovrebbe occupare e preoccupare della perdita di biodiversità. Non lo afferma un manipolo di invasati ambientalisti, ma l’Istituto per la resilienza dell’Università di Stoccolma (http://www.stockholmresilience.org). La resilienza è la capacità di un sistema di adattarsi ai cambiamenti e l’istituto di cui trattasi, nell’evidenziare graficamente i problemi ambientali che più sono 'out of control', mette la perdita di biodiversità al primo posto, seguito dall’alterazione del ciclo dell’azoto e dai cambiamenti climatici. Poi, nell’ordine, vengono l’alterazione del ciclo del fosforo, l’acidificazione degli oceani, deforestazione e cementificazione, sovrasfruttamento dell’acqua dolce, buco nell’ozono (uno dei pochi problemi cui, in questi anni, le società contemporanee hanno 'messo una pezza'), il carico di aerosol in atmosfera e l’inquinamento chimico.
La rassegna dei problemi da affrontare, dunque, porta alla ribalta il tema della biodiversità, tanto diffusamente citato, quanto misconosciuto. Due Direttive dell’Unione Europea - la Direttiva 'Uccelli' del 1979 e la Direttiva 'Habitat' del 1992 lo trattano seriamente, impegnando gli Stati Membri a lavorare concretamente, proprio per contrastare la perdita di specie, di patrimoni genetici, di ambienti vitali per tutti gli esseri viventi. Sta di fatto che attualmente la Terra perde specie ad un ritmo decine di volte superiore a quello che si registrerebbe in assenza delle alterazioni ambientali prodotte dall’uomo.
'Antropocene' è il termine coniato in ambito scientifico per definire l’epoca geologica, da poco avviata, caratterizzata proprio dai segni indelebili delle modificazioni di origine umana; emblematiche sono le rappresentazioni 'fumettistiche' di tale fenomeno, che mettono in evidenza, tra gli strati geologici che i posteri potranno studiare, quello caratterizzato dai depositi di materiali non biodegradabili. Se per 200.000 anni circa Homo sapiens ha lasciato sulla Terra residui per lo più degradabili del proprio passaggio, nella recentissima, infinitesima frazione del tempo geologico che viviamo la 'musica' cambia, drasticamente.
Gli studiosi dell’'impronta ecologica' dell’uomo sulla Terra attestano che intorno al 1970 si è registrato per l’ultima volta, a livello globale, un equilibrio sommario tra le risorse naturale utilizzate e la capacità del pianeta di rigenerarle (era il tempo del rapporto sui limiti dello sviluppo v. pillola n. 2). Da lì in poi il sovrasfruttamento delle risorse naturali ha portato all’attuale consumo medio a livello globale di 'una Terra e mezza', dove la metà in più è sottratta, fin da subito, ai nostri figli e discendenti, ai quali, peraltro, lasciamo anche i problemi connessi con il sovrasfruttamento. Al ritmo attuale, nel 2050, impegneremo tre pianeti per mantenere questo stile di vita (n.b.: l’Italia oggi ne consuma già quasi quattro: evidentemente, come molti altri Paesi 'sviluppati', a carico dei più poveri).
Si tratta quindi di fare delle scelte autenticamente evolutive, e soprattutto a livello politico, per decidere di quale 'zavorra' intendiamo liberarci, valorizzando, con tutta l’intelligenza di cui siamo capaci, l’essenziale: diversamente sceglieranno per noi, sempre di più, le impietose leggi della Fisica.

(Massimo Grisoli)

Foto: S. Beccio e R. Ribetto (la Salamandra di Lanza, endemismo delle Alpi Cozie)

http://www.stockholmresilience.org/

Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Per fiumi e per monti sulle orme di Angelo Morisi

Condividiamo un appuntamento del Parco Alpi Marittime in ricordo di Angelo Morisi che ha collaborato anche con il Parco del Monviso.

Domenica 4 giugno, alla vigilia della Giornata Mondiale dell'Ambiente, l'Ente Aree Protette Alpi Marittime organizza una giornata dedicata all'educazione ambientale e alla conoscenza naturalistica del t

Chi è il turista dei Parchi del Piemonte

Riprendiamo da Piemonte Parchi i risultati dello studio condotto dal Centro Studi della Fondazione CRC con la collaborazione dell'Osservatorio Turistico Regionale per redigere un profilo del visitatore dei Parchi piemontesi.

È maschio, ha tra i 31 e 65 anni, è un impiegato oppure un insegnante, e rimane soddisfatto dell

Non c'è il sole? È bello lo stesso!

Spesso e volentieri, per programmare una gita o un’escursione, aspettiamo una bella giornata soleggiata e consultiamo con ansia svariate previsioni meteorologiche e, alle prime avvisaglie di nuvole o pioggia, siamo pronti ad annullare i nostri appuntamenti all’aperto.
Se il nostro obiettivo era quello di passare una tranquilla gi

Riapre l'Ostello del Po

Dopo l'evento alluvionale dello scorso novembre, riapre l'Ostello del Po, sito a Paracollo (Saluzzo) presso il ponte Pesci Vivi. La struttura, un’antica casa cantoniera, resa inagibile dall’esondazione del Po, ha riaperto in occasione del 1 maggio, grazie all'intervento del Parco del Monviso e al lavoro dei gestori.
Sono stati r

Cultura = Capitale: uno studio sulla Riserva della Biosfera Trasfrontaliera del Monviso

E’ stato pubblicato, nella collana dei Quaderni di ricerca del Centro Studi Silvia Santagata - CSS Ebla [Cultura= Capitale], il lavoro di analisi compiuto sul territorio del Monviso, riconosciuto dall’UNESCO come Riserva della Biosfera nell’ambito del UNESCO's Man and Biosphere Programme. L’area, che interessa oltre 100 comu

Dalla rete Cets Monviso: gli appuntamenti di maggio di Maraman

Il programma Maraman - paesaggio culturale delle Valli Maira e Grana prosegue anche a maggio grazie ai 21 musei ed esposizioni permanenti che si sono uniti in questa avventura col fine di creare una rete culturale di unione tra le due valli.
Sabato 13 maggio alle ore 21 il Museo dei vecchi mestieri di Bernezzo presenta presso il Teatro Parro

Chiusura dello sportello forestale dopo il 2 maggio

Con la conclusione, il 30 aprile, della stagione di taglio dei boschi cedui per quote fino a 1000 m s.l.m., termina l'apertura settimanale dello sportello forestale con l'ultimo appuntamento di martedì 2 maggio.
Per i prossimi mesi i tecnici del Parco rimangono comunque a disposizione dei cittadini per fornire informazioni e consigli,

Grotta di Rio Martino

Dal 1 aprile è nuovamente accessibile la Grotta di Rio Martino di Crissolo, riserva naturale e sito di importanza comunitaria. La grotta resterà accessibile fino a fine ottobre, poi sarà nuovamente chiusa nel periodo invernale per non disturbare il letargo di sette specie di pipistrelli che nella grotta hanno trovato la loro

Riqualificazione e valorizzazione dei laghi di cava

La prima piana del Po, da Saluzzo a Torino, ha tutte le caratteristiche del resto della pianura padana, ma con una cosa in più, poco appariscente ma importante: riposa sul miglior giacimento di ghiaie d'Italia, il più ricco e soprattutto ottimo per la qualità produttiva. Non per caso una ventina di importanti attività es

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento