Espaci Occitan di Dronero

Il museo Espaci Occitan, completamente rinnovato con nuove postazioni multimediali e un percorso etnografico con oggetti della tradizione e pannelli esplicativi, si propone attraverso diversi livelli di lettura come vetrina della cultura occitana, centro di interpretazione del territorio e punto di partenza per la visita nelle valli di lingua d’óc. Come in un viaggio virtuale, il museo illustra con un approccio gradevole e dinamico la straordinaria tradizione letteraria, la musica, la storia e tutti gli aspetti della vita materiale, folklorica e sociale del territorio di lingua d’óc. Le postazioni del museo permettono di scegliere la lingua di navigazione fra occitano, italiano, francese e inglese.

Il percorso museale è strutturato in dieci postazioni: la prima propone un viaggio virtuale che aiuti il visitatore a conoscere i confini geografici e le peculiarità ambientali della regione linguistica occitana. Nel secondo ambiente viene presentata la storia civile e religiosa dell’Occitania dal Medioevo ai giorni nostri. La terza postazione è dedicata ai costumi della tradizione: grazie alla più moderna tecnologia digitale il visitatore puó diventare un personaggio delle feste tradizionali delle vallate; la quarta è consacrata alla lingua occitana, col vocabolario sonoro e la storia ed evoluzione della lingua d’óc, i suoi dialetti e le sue grafie. La quinta presenta tutte le minoranze linguistiche d’Italia e d’Europa: testi, filmati e registrazioni sonore di poesie e canzoni consentono di comprendere la diversità e ricchezza linguistica del nostro paese e del nostro continente. Nell’ambiente successivo è posta l’installazione più ampia del Museo, dedicata alle valli, con i beni artistici, feste, ricette, personaggi, peculiarità naturalistiche ed esempi di parlate di tutti i 120 comuni occitani alpini. Da qui, una galleria con vetrine contenenti oggetti emblematici di alcuni paesi e territori occitanofoni conduce a uno spazio sensoriale-virtuale immerso nella penombra che rende protagoniste alcune parole occitane evocative di una stagione o luogo. Segue la postazione dedicata ai cognomi occitani più diffusi nelle valli, con ben 560 nomi. La nona postazione, dedicata alla musica occitana presenta storia e origini, i vari generi, gli strumenti e i gruppi tradizionali attualmente sulla scena alpina, con fotografie, musiche e filmati. Chiude la visita una postazione dedicata all’arte e alla letteratura che si presenta come un libro segnato dal tempo e sfogliabile su schermo. Lungo tutto il percorso museale un’installazione di pannelli illustrativi e mensole-schermo in fuga prospettica, collocati come una gemmazione cristallina, offrono informazioni curiose o poco note, come i personaggi famosi nati in Occitania, prodotti inventati o ispirati dal territorio, e presentano oggetti legati al mondo occitano, che integrano la visita ponendosi a complemento della consultazione virtuale.

Il progetto di attualizzazione è stato realizzato dalla Comunità Montana Valli Grana e Maira con il contributo della Regione Piemonte ai sensi della L.R. 4/2000.

Orari e costi
Aperto al pubblico mercoledì in orario 15-18, giovedì e venerdì in orario 9-12/15-18 e il sabato in orario 9-12.

In altri orari il museo è visitabile su prenotazione per gruppi superiori a 15 persone.

Ingresso intero: 4,00 /cad;
Gruppi superiori a 15 persone: 3,00 /cad;
Scolaresche e da8 a 14 anni: 2,50 /cad;
Sotto gli 8 anni e possessori carta Abbonamento Musei Torino Piemonte: gratuito.

Espaci-Occitan
Via Val Maira 19, 12025 Dronero (CN)
tel/fax +39 0171 904075
segreteria@espaci-occitan.org


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Musei del Parco - orario autunnale

Con l'arrivo dell'autunno si modificano gli orari dei Musei del Parco.
Chiusi dopo la stagione estiva il Centro Visite Alevè, il Centro Visite di Pian del Re e il Museo del Piropo di Martiniana Po.

Il Museo dei Fiume Po di Revello è aperto invece tutto l'anno. Ogni domenica, dalle 14,30 alle 18,30 è possi

Dal 1 novembre chiude la grotta di Rio Martino

Come ogni anno, da giovedì 1 novembre saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino, cavità naturale poco al di sopra dell’abitato di Crissolo, in valle Po. L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato sino al 31 marzo, con possibilità di proroga della chiusura in base alle condizioni

Osmodog: storia di Teseo e dell’Osmoderma eremita

Non lasciatevi ingannare dal titolo di questo articolo: non stiamo per narrarvi una storia tratta dalla mitologia greca, tuttavia in un certo senso, anche in questa narrazione incontreremo strane e misteriose creature ed eroi impegnati in una difficile missione: proteggere gli habitat e le specie a rischio di estinzione.
Teseo(1) nel nostro

Chiuso Buco di Viso

Martedì 9 ottobre gli operai forestali della Regione Piemonte, coordinati dal funzionario tecnico Stefanino Agù, d’intesa con il Parco del Monviso e il Parco del Queyras, hanno provveduto alla chiusura dell’accesso al Buco di Viso per il periodo invernale.
'Il Buco di Viso è una risorsa importante per il nost

Le proposte di educazione ambientale 2018-19

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Giovani per lo sviluppo sostenibile: i risultati del primo Mab UNESCO Monviso Youth Camp

Sabato 15 settembre si è svolto, presso l’ex caserma Mario Musso di Saluzzo, l’incontro di presentazione dei risultati del primo MaB UNESCO Monviso Youth Camp, che si è tenuto in luglio in valle Varaita con la modalità dell’'outdoor education' in campeggio residenziale presso il rifugio Bagnour. Una scintilla

Il Cerambice della quercia

Se provate a cercare sul web 'cerambice della quercia' (Cerambyx cerdo) i risultati che otterrete saranno principalmente due:
'il Cerambice della quercia è una specie minacciata che necessita di una tutelata rigorosa, come indicato dalla Direttiva Habitat (specie inclusa negli allegati II e IV)'
'il cerambice della quercia

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Il progetto InNat alla scoperta del Cervo volante e dei coleotteri saproxilici

Quando incontro una specie minacciata o a rischio d’estinzione ma che un tempo era molto comune, mi tornano alla memoria quelle gloriose squadre di calcio, oggi relegate alle serie minori o del tutto scomparse ma che all’inizio ‘900 dominavano il campionato italiano. Società sportive di cui quasi nessuno ormai si interessa

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento