Schede didattiche dedicate ai Vegetali
 
 
·  V1. Glossario dei termini vegetali

Che peccato, che grande ingiustizia costringere i bambini a parlare con i termini dei grandi. Mi fanno tanta pena e li aiuto qui.
Perché sono stato bambino, e lo sono ancora, anch’io.
 
·  V2. Il bosco igrofilo

Ci sono tanti tipi di bosco.
A noi piace quello dove si cammina meglio e senza inciampi, ma c’è anche quello che ama l’acqua e gli inciampi se non ci sono se li inventa. E’ bellissimo e prezioso, e sta per scomparire.
 
·  V3. Il bosco planiziale

La pianura non è stata inventata per riempirla di mais.
La pianura, anche se ce lo siamo scordati, è stata per tempi lunghissimi luogo di splendidi boschi e casa di alberi secolari.
 
·  V4. Il castagneto

Il castagneto è un bosco particolare perché il Castagno non è pianta europea e viene da lontano.
Ma è trascorso talmente tanto tempo che nessuno se ne ricorda più ed oggi sarebbero brutte le nostre montagne e le nostre colline senza il Castagno, senza dimenticare che le caldarroste dipendono da lui.
 
·  V5. La faggeta

Tanti Faggi fanno…
il bosco più scuro, quello delle fate e dei folletti.
L’ampia volta delle fronde e la perfetta disposizione delle foglie a catturare ogni raggio di sole, impediscono alla luce di giungere al suolo, così che il sottobosco è un soffice tappeto di foglie secche con pochissime erbe e fiori.
 
·  V6. La lariceta

I Larici, coperti di aghi e non di foglie, al contrario dei Faggi lasciano passare molta luce ed il sottobosco è ricchissimo di erbe, fiori e piccoli frutti. Anche la fauna della lariceta, di conseguenza, è molto più ricca di quella della faggeta.
 
·  V7. I popolamenti pionieri

Le chiamano Piante pioniere perché sono le prime ad occupare uno spazio di terra rimasto libero per i motivi più diversi, dalla frana all’alluvione, dal crollo di rocce all’abbandono delle pratiche agricole.
In natura l’evoluzione ha previsto che ogni spazio sia sempre e prontamente occupato.
 
·  V8. Gli arbusti montani

Gli arbusti prosperano dove gli alberi non riescono più a sopportare le avverse condizioni ambientali, freddo, vento e siccità.
Le dimensioni ridotte. i rami spesso flessibili, l’esteso apparato radicale permettono a queste piante di ricoprire ampie distese strappandole alle rocce.
 
·  V9. I popolamenti artificiali

Succede di sentire parlare dei Pioppeti come di boschi di pianura. Niente di più falso.
I pioppeti sono coltivazioni e come tali comportano una forte semplificazione del territorio con conseguente riduzione della biodiversità.
 
 

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico: Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento