Funzionalità della macchina amministrativa

Efficienza della sezione “Amministrazione trasparente”
che cosa si sta facendo
In attuazione di specifiche direttive regionali si garantisce l’aggiornamento costante della sezione “Amministrazione trasparente” (link) del sito istituzionale, provvedendo ogni anno ad assicurarne la conformità, attraverso l’inserimento dei numerosissimi dati richiesti (264 voci potenziali, ciascuna delle quali comporta, a volte, la compilazione di tabelle riassuntive)
quanto costa
L’attività di cui sopra viene svolta dal Personale dipendente: ad essa sono preposti il Direttore, che è anche RPCT (Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza) e l’istruttrice amministrativa a tempo determinato, addetta anche alla segreteria. La Legge impone poi la presenza di un soggetto esterno qualificato, chiamato O.I.V. (Organismo Indipendente di Valutazione), che certifichi la rispondenza di tutte le attività svolte (al di là, quindi dell’aggiornamento del sito) al dettato della normativa in materia. La spesa per la remunerazione dell’O.I.V. è di circa 1.700,00 Euro/anno e comprende anche una giornata formativa per tutto il Personale dipendente ed una per i componenti del Consiglio.
a che punto siamo
La sezione “Amministrazione trasparente” del sito istituzionale è aggiornata e progressivamente migliorata. Purtroppo la leggibilità della stessa risente, oltre che della complessità dell’impostazione (non dipendente dall’Ente), della qualità dei software in uso.

Avvio delle procedure di assunzione di nuovo Personale
che cosa si sta facendo
Grazie all’iniziativa assunta dalla Regione Piemonte, gli enti parco possono finalmente assumere qualche dipendente per mitigare “la situazione di forte sofferenza in cui versano gli attuali organici degli Enti di gestione, con particolare riferimento ad alcune categorie e profili professionali” come riferito dall’assessore regionale competente nella D.G.R. n. 40-5803 del 20 ottobre 2017.
quanto costa
125.000 Euro circa è la somma messa a disposizione dalla Regione Piemonte, per fronteggiare le carenze di Personale dell’Ente Parco.
a che punto siamo
Il Consiglio ha approvato il dovuto “Piano triennale dei fabbisogni”: alla Regione spetta ora di validarlo e consentire l’avvio delle procedure, secondo l’iter di Legge

Gestione del volontariato
che cosa si sta facendo
L’Ente Parco intende consolidare le positive esperienze di “Alternanza scuola-lavoro”, in collaborazione con diversi istituti sia del Saluzzese, che situati fuori Provincia. Dal 2016 le richieste sono state crescenti e ad oggi, per inevitabili limiti di carattere organizzativo, l’Ente si dispone ad accogliere un massimo di quattro studenti contemporaneamente nel periodo giugno-luglio (indicativamente un mese e mezzo), più altri eventuali nei rimanenti periodi dell’anno. Con il 2019, si conta di poter avviare anche le prime esperienze di Servizio Civile sostitutivo, per cui l’Ente si è candidato, nell’ambito di convenzione con l’UNPLI (Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia).
Si intende altresì:
riproporre una convenzione con il Consorzio Monviso Solidale per l’attivazione di tirocini di inclusione sociale (operai e/o eventuali addetti amministrativi)
favorire l’attivazione di tesi di laurea sul territorio
quanto costa
Ad oggi i costi diretti per la gestone degli studenti in “Alternanza scuola-lavoro” si limitano all’effettuazione delle prescritte visite mediche ed all’eventuale fornitura di Dispositivi di Protezione Individuale.
Importante invece, anche se non specificamente quantificato, è il tempo dedicato dal Personale (soprattutto Guardiaparco e Istruttori tecnici) all’organizzazione e gestione di tali esperienze.
a che punto siamo
Ad inizio anno, si registrano due studenti in “Alternanza scuola-lavoro” nel mese di febbraio 2019 e tre candidati per il periodo estivo.

Ultimo aggiornamento: 25/05/2019 13:10